Questa radice antiossidante e ricca di ferro potrebbe essere una vera fonte di benessere per l’organismo

Spesso tra i legumi, le verdure e gli ortaggi, si nascondono dei prodotti che non tutti conoscono e che nel tempo sono stati dimenticati.
Oggi, però, molti di questi stanno ritornando fortunatamente sulle nostre tavole, anche grazie alla voglia di riscoprire nuovi sapori.
In questo articolo parleremo del topinambur, una radice che pochi conoscono, ma che apporterebbe diversi benefici per la salute. Scopriamo insieme quali.

Molti non sanno che questa radice antiossidante e ricca di ferro potrebbe essere una vera fonte di benessere per l’organismo

Il topinambur, grazie all’alto contenuto di fibre, sarebbe un ottimo alleato del benessere intestinale ed aiuterebbe a proteggere la salute cardiovascolare. Inoltre, è ricca di antiossidanti, vitamine e sali minerali come ferro, calcio e fosforo. Infine, è anche una fonte di inulina. Questa fibra solubile aiuterebbe non solo a diminuire l’assorbimento di grassi e zuccheri nell’intestino, ma anche a ridurre gli eccessi di colesterolo e glucosio nel sangue. Tuttavia, un suo consumo abbondante, data la presenza di inulina, potrebbe provocare disturbi a livello intestinale.

3 contorni sfiziosi

Quindi, abbiamo appena visto che questa radice antiossidante e ricca di ferro potrebbe essere una vera fonte di benessere per l’organismo.
Il topinambur, comunque, è un ingrediente molto versatile in cucina e può diventare il protagonista di svariati contorni o antipasti leggeri.
Ad esempio, possiamo creare un purè di topinambur da servire insieme alla carne o al pesce.
Innanzitutto peliamo 600 grammi di topinambur e tagliamoli a fette sottili. Dopo di che, facciamoli rosolare con olio EVO ed aglio in un tegame per circa 20 minuti, aggiungendo ogni tanto del brodo vegetale.
A 5 minuti dalla fine, aggiungiamo anche del prezzemolo tritato e ultimiamo la cottura. Una volta finito, frulliamo il tutto con un frullatore ad immersione e siamo pronti per servire.

Realizziamo degli ottimi sformati

Un ottimo modo per gustare questa radice è quello di realizzare dei deliziosi sformati, insieme alle patate.
Innanzitutto, peliamo e tagliamo a cubetti 700 grammi di topinambur. Dopo di che, facciamoli rosolare per 10 minuti con olio EVO ed uno spicchio d’aglio in padella aggiungendo anche sale e pepe. Nel frattempo, sbucciamo e tagliamo a dadini anche 200 grammi di patate e lasciamole cuocere in un tegame con olio, aglio e rosmarino. Quando saranno pronti entrambi gli ingredienti frulliamoli in un mixer. Una volta ottenuto un composto cremoso, aggiungiamo 2 uova ed un po’ di prezzemolo ed azioniamo nuovamente il mixer.

Ora spennelliamo con olio alcuni stampini in alluminio, rivestiamoli con carta forno e riempiamoli con il composto. Posizioniamo quindi gli stampini su una teglia con bordi alti, versiamo due dita di acqua al suo interno ed inforniamo a 180 gradi per 45 minuti. Una volta sfornati, posizioniamoli su una teglia e cuociamoli in modalità grill per altri 5 minuti.

Topinambur e noci

Terminiamo questa carrellata con un eccezionale contorno al topinambur e noci pecan. Anche qui, una volta puliti e tagliati a fettine, versiamo 500 grammi di topinambur in un tegame con olio ed aglio e facciamo rosolare. Dopo circa 3 minuti, aggiungiamo il succo di mezzo limone, rosmarino e due mestoli di acqua calda. Dopo circa 10 o 15 minuti, versiamoli in una ciotola insieme alle noci pecan e qualche foglia di rucola.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te