Quartieri Spagnoli o Lungomare Caracciolo, ecco dove mangiare la pizza a Napoli

Ormai è risaputo, Napoli è la patria della pizza! Buona e inimitabile, la pizza napoletana è la madre di tutte le altre pizze. A dimostrazione di ciò, l’arte del pizzaiolo nel 2017 è stata riconosciuta patrimonio immateriale dell’umanità dall’UNESCO. Le origini di questa pietanza risalgono al diciottesimo secolo, periodo in cui comparvero le prime pizze, rigorosamente condite da solo pomodoro. Oggi le pizze più rappresentative di Napoli sono di certo la margherita e la marinara. La margherita condita con pomodoro, mozzarella di bufala, olio e basilico. Mentre la marinara condita semplicemente con pomodoro, aglio, origano ed olio. Come non menzionare anche la pizza a portafoglio, tipica di Napoli, ma di origine più recente. In questo caso la pizza, di piccole dimensioni, viene piegata a libretto e mangiata in questo modo.

Come fare la pizza napoletana in casa

Caratteristiche che appartengono alla pizza napoletana sono di certo l’utilizzo della farina di grano tenero 00 e la lievitazione a lunga durata. Stesa a mano, si distingue dalle altre pizze per il voluminoso cornicione e la sofficità dell’impasto. Preparare la pizza napoletana in casa è possibile, basta rispettare i tempi di lievitazione e utilizzare gli strumenti idonei. Per fare la pizza ci occorrono i seguenti ingredienti:

  • 350 g di farina 0;
  • 250 g di farina manitoba;
  • 3 g di lievito di birra fresco;
  • acqua;
  • olio extravergine di oliva;
  • sale.

È necessario sciogliere il lievito in poca acqua e unirlo ai 500 g di farina e all’acqua. Aggiungere in seguito olio e sale. Formare un panetto e far lievitare per circa sette ore. Impastare nuovamente il panetto, una volta pronto dividerlo in piccole porzioni e far lievitare per circa ventiquattro ore. A questo punto stendere i panetti senza schiacciare i bordi, sistemare in teglia e lasciar lievitare per un’ora circa. Infine condire la pizza, infornarla per circa dieci minuti a 250 gradi in forno ventilato.

Quartieri Spagnoli o Lungomare Caracciolo, ecco dove mangiare la pizza a Napoli

La pizza a Napoli è buona ovunque, a fare la differenza sono gli scenari. Napoli è una città d’arte che conserva tradizione e folclore. Ogni angolo di questa città racconta qualcosa e spesso questi luoghi rimangono impressi nella nostra mente come bellissimi ricordi. Esistono luoghi particolarmente rappresentativi della città, delle vere e proprie cartoline. Fermarsi a gustare una vera pizza napoletana in questi luoghi è il massimo che si può desiderare. Quartieri Spagnoli o Lungomare Caracciolo, ecco dove mangiare la pizza a Napoli. Sui Quartieri Spagnoli si trova la pizzeria Antica Capri, piccolo e colorato, questo locale propone tutte le tipicità della cucina napoletana. Tra queste non manca di certo la pizza, originale napoletana! Su Lungomare Caracciolo, vista mare, c’è il ristorante Antonio&Antonio. Da sempre scelto anche da personaggi noti, questo locale propone un’imitabile pizza margherita, originale napoletana!

Lettura consigliata

Ecco il responso degli esperti è meglio preparare la pizza napoletana o romana?

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te