Quando lo smalto semipermanente è rovinato e si sfoglia possiamo rimuoverlo in questo modo senza andare dall’estetista

Durante la bella stagione moltissime di noi amano avere le unghie delle mani e dei piedi curate e ricoperte di smalto. In effetti, uno smalto steso bene e con precisione dà subito un bell’aspetto all’unghia e la fa sembrare più sana. Grazie alle innovazioni della tecnologia cosmetica esistono diverse tecniche per avere unghie colorate e resistenti. Dall’applicazione di unghie in resina polimerica al classico smalto da mettere in casa, fino a quello semipermanente. Questa ultima tecnica è sempre più amata perché dona risultati ottimali e una durata incredibile. L’unica pecca del semipermanente è la possibilità di rimuoverlo, che non è sempre semplice e agevole. Oggi spiegheremo proprio cosa dobbiamo fare quando lo smalto semipermanente è rovinato e si sfoglia.

Una vernice che tende a sfogliarsi

Il tipo di smalto di cui parliamo oggi dura così a lungo perché si fissa saldamente alla superficie dell’unghia. Per rimuoverlo è solitamente opportuno usare una fresa che lo distrugga e liberi l’unghia dai residui. Dato che questa operazione ha un costo e va fatta solitamente dall’estetista, vediamo quali altri metodi casalinghi possiamo seguire.

Tutti sappiamo che se abbiamo una manicure semipermanente non dovremmo mai tagliare le unghie. Se lo facciamo, rischiamo che tutto lo smalto si indebolisca e cada dopo pochi giorni. Se siamo stufi del colore o vogliamo togliere lo smalto vecchio e rovinato, possiamo iniziare accorciando le unghie con un classico tagliaunghie. A questo punto possiamo immergere le mani in acqua tiepida per dieci minuti. È probabile che lo smalto si sollevi dall’unghia.

Quando lo smalto semipermanente è rovinato e si sfoglia possiamo rimuoverlo in questo modo senza andare dall’estetista

Ora possiamo iniziare a sollevare dall’interno lo smalto. Vedremo come, facendo un minimo di pressione, verrà via a scaglie. In pochi minuti riusciremo ad avere unghie naturali e avremo rimosso gran parte della vernice.

Ma dato che, probabilmente, le nostre unghie avranno ancora dei residui di smalto e saranno squamate, dobbiamo effettuare due operazioni. Per prima cosa con una lima leggera possiamo rimuovere i residui. Poi con una crema idratante per mani possiamo fare degli impacchi alle estremità delle dita. Se seguiremo questi consigli, in meno di un’ora le nostre mani saranno perfette e naturali. Anche le unghie non saranno ruvide ed opache, ma avranno ritrovato la loro lucentezza naturale.

Approfondimento

Lo smalto normale e semipermanente durerà più di tre settimane senza staccarsi grazie a queste semplici accortezze

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te