Pressione alta, stanchezza e problemi alla tiroide potrebbero essere dovuti all’eccesso di questa preziosa vitamina

Molti sottovalutano il ruolo dei nutrienti e delle vitamine che invece possono rivelarsi essenziali per la propria salute. Però anche in questo caso un eccesso o una penuria possono comportare ugualmente delle problematiche. Per questo prima di sbizzarrirsi nell’’acquisto di integratori o nell’ideazione di cure fai da te è meglio sempre confrontarsi con il medico. Ad esempio tutti pensano che faccia bene, ma un eccesso di questa vitamina potrebbe portare a gravi problematiche. Lo stesso può accadere anche in altri casi. Infatti pressione alta, stanchezza e problemi alla tiroide potrebbero essere dovuti all’eccesso di questa preziosa vitamina. Vediamo insieme di cosa si tratta e perché dovremmo prestare particolare attenzione a questo valore che da molti non viene preso in considerazione.

Il tocoferolo, cos’è e a cosa serve

Stiamo parlando della vitamina E, anche detta tocoferolo. Questa, nonostante sia meno famosa della C o della K, risulta ugualmente molto importante per il nostro organismo. Prima di tutto è un nutriente liposolubile. Questo significa che può essere assunta tramite l’alimentazione, a differenza della D che invece è assorbita tramite l’esposizione diretta ai raggi solari. Generalmente però il tocoferolo è immagazzinato nel fegato e rilasciato gradualmente. Il fabbisogno giornaliero varia dagli 8 mg ai 10 mg.

A livello terapeutico è nota per abbassare i livelli di colesterolo, per la sua funzione anticoagulante e per la riduzione di problemi di natura cardiovascolare. Inoltre protegge dal fumo di sigaretta, dall’inquinamento e previene l’ossidazione. Una sua carenza è collegata a situazioni di malnutrizione e può provocare dei disagi a chi è in fase di crescita, alterandone lo sviluppo. Può anche provocare danni al sistema nervoso e al metabolismo. Anche una quantità eccessiva però può causare dei gravi problemi. Vediamo insieme quali possono essere.

Pressione alta, stanchezza e problemi alla tiroide potrebbero essere dovuti all’eccesso di questa preziosa vitamina

Un consistente surplus di questa vitamina è un avvenimento che per fortuna si verifica di rado. I suoi effetti però risultano particolarmente pesanti su chi soffre già di ipertensione. Infatti questa condizione potrebbe portare all’innalzamento della pressione sanguigna e potrebbe anche creare dei malfunzionamenti alla tiroide, abbassando la produzione di questo genere di ormoni. Altri effetti collaterali invece si possono presentare sotto forma di stanchezza e disturbi al processo digestivo. Infine può anche manifestarsi come un’insolita persistenza di vomito e senso di nausea.

Approfondimento

Tachicardia, debolezza muscolare e anemia potrebbero essere dovuti alla carenza di questa preziosa vitamina

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te