Pochi sanno che queste comunissime spezie potrebbero essere il nemico numero 1 del cancro al colon retto

Per quanto concerne la popolazione italiana, purtroppo, ogni anno vengono registrati più di 50.000 nuovi casi di tumore al colon retto. Infatti, sembrerebbe che la parte finale dell’apparato digerente sia quella più interessata dall’insorgenza di patologie neoplastiche.

Naturalmente ad incidere sull’espansione di questo fenomeno, concorrono uno stile di vita sregolato ed una scarsa attività fisica, combinati a scelte alimentari non sempre corrette.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Già in precedenza, ad esempio, è stato messo in luce che più di carne rossa e latticini è questo l’alimento killer che scatena il cancro al colon secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Pochi sanno che queste comunissime spezie potrebbero essere il nemico numero 1 del cancro al colon retto

Tuttavia, non tutto quello che mettiamo in tavola apporta effetti negativi, anzi. In base ai principi attivi contenuti al loro interno, alcuni alimenti potrebbero rivelarsi utili nella prevenzione delle patologie tumorali. In particolare, di seguito presenteremo dei condimenti presenti in praticamente qualsiasi casa ma di cui non si conoscono a fondo i pregi. Infatti, pochi sanno che queste comunissime spezie potrebbero essere il nemico numero 1 del cancro al colon retto ma anche del colesterolo e disturbi cardiovascolari.

Numerosi sono gli studi recenti a conferma delle proprietà antinfiammatorie e antitumorali della curcumina di cui, intuitivamente, la curcuma è ricca.

Panacea per tutti i mali

Grazie alle sue caratteristiche, sembrerebbe che la curcuma sia in grado di contrastare la malattia per l’effetto positivo che questa ha sugli stati infiammatori. In aggiunta, proprio in qualità di antiossidante, avrebbe una stretta correlazione sulla diminuzione dello stress ossidativo. Per di più, la curcuma è ricca di fibre che favoriscono il transito alimentare, scongiurando accumuli di grasso e colesterolo, cause di patologie dell’apparato digerente. Infine, la curcuma è ricca di vitamine del gruppo B, K ed E.

I nuovi studi sull’eugenolo

Ancor più recenti sono le sperimentazioni condotte sull’eugenolo, principio già in precedenza associato alla prevenzione anti tumorale, abbondantemente presente in spezie come la cannella o nei chiodi di garofano. È stata la Fondazione Veronesi a promuovere l’approfondimento sulla ricerca di queste molecole che sarebbero in grado di indurre autofagia, ossia morte programmata delle cellule tumorali. La ricerca è mirata ad ottenere diete specifiche contro episodi tumorali, in particolare, proprio nei riguardi del colon retto.

Alimentazione e prevenzione del tumore al colon retto

Lo studio sarà inoltre condotto anche sugli effetti della spermidina, similari a quelli dell’eugenolo, che invece sono presenti nel germe di grano e soia. Proprio in merito alla soia, pochi conoscono questo grande alleato delle ossa e killer naturale del cancro.

Un’alimentazione consapevole, ancora una volta, dimostra essere una grande risorsa per la nostra salute. Tuttavia, è indispensabile che questa sia affiancata ad un responsabile controllo medico ed uno stile di vita sano.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te