Pochi lo sanno ma le donne in gravidanza e chi soffre di diabete dovrebbero evitare questo comunissimo ingrediente 

La nostra salute è il bene più grande che abbiamo, di cui dobbiamo prenderci cura ogni giorno. Per stare bene e vivere a lungo è importante curare il nostro benessere e l’alimentazione.

Per quanto si cerchi di fare attenzione e avere un’alimentazione sana ed equilibrata, ci sono ingredienti che potrebbero essere pericolosi in certe circostanze. Alcuni cibi, infatti, contengono delle sostanze che possono avere interazioni con particolari situazioni e creare rischi.

Oggi parleremo di un cibo molto comune, una diffusissima spezia, che potrebbe causare problemi ad alcune categorie di persone. Infatti, pochi lo sanno ma le donne in gravidanza e chi soffre di diabete dovrebbero evitare questo comunissimo ingrediente.

Pregi e difetti per una spezia di grande successo

Le spezie, in occidente, sono tra gli ingredienti che hanno conosciuto più successo negli ultimi anni. Tradizionalmente usate nelle cucine etniche, a partire dagli anni ’90 anche ingredienti esotici come zenzero, cannella e cardamomo sono arrivati nelle nostre cucine.

Da sempre apprezzatissime per il loro gusto unico e le proprietà antisettiche, questi ingredienti spesso hanno doti nutrizionali davvero uniche. Capaci di dare gusto, profumo e di coprire i sapori sgradevoli, le spezie sono da sempre usate per condire e migliorare il sapore dei cibi.

Ogni spezia ha poi delle proprietà uniche, che spesso possono aiutarci a mantenere una salute florida e duratura.

La cannella, per esempio, è nota per la sua capacità di abbassare il colesterolo nel sangue e per una notevole azione antibatterica. Inoltre, ha un grande potere antiossidante e può intervenire per moderare l’ipertensione. Questa comune spezia, usatissima nei dolci, però, ha anche un lato oscuro che la rende sconsigliata in certi casi particolari.

Pochi lo sanno ma le donne in gravidanza e chi soffre di diabete dovrebbero evitare questo comunissimo ingrediente

La cannella contiene una sostanza di nome cumarina che potrebbe essere tossica per fegato e reni. Se consumata in dosi moderate non ci saranno problemi, ma è importante limitarne l’utilizzo nel caso di patologie correlate a questi organi. Ma non finiscono qui le controindicazioni di questa comunissima spezia. Per il suo potere di agire sullo zucchero nel sangue potrebbe avere interazioni nel caso di diabete e consumo di insulina.

Inoltre, un effetto collaterale ancora poco noto è quello che potrebbe verificarsi nel caso di gravidanza. A dosaggi elevati, infatti, potrebbe stimolare la contrazione uterina con gravi conseguenze. Per questo motivo è sempre importante seguire le linee guida e verificare le dosi massime raccomandate.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te