Pochi cucinano la zucca così e chi non lo fa non sa cosa si perde

Il cibo deve essere piacere, mangiare un cosa triste e che non sa di nulla non è affatto invitante. Molte persone ad esempio non amano la zucca perché troppo dolce, altri invece la amano ma la cucinano sempre allo stesso modo. Però pochi cucinano la zucca così e chi non lo fa non sa cosa si perde. Infatti chi non ama questa verdura con questa ricetta andrà pazzo. Una ricetta così deliziosa non si era praticamente mai vista, e il bello è che non ci vuole tanto a farla. È molto semplice, quindi non si hanno proprio scuse. Inoltre la zucca è tipica di questo mese, non a caso è simbolo di Halloween. E inoltre fa benissimo all’organismo. Quindi nessuna scusa per tirarsi indietro.

Pochi cucinano la zucca così e chi non lo fa non sa cosa si perde

Vediamo subito allora qual è il piatto che possiamo fare. Stiamo parlando delle polpettine di zucca, un ottimo antipasto da servire agli ospiti oppure un ottimo secondo. Partiamo subito con quello che ci serve. La zucca può essere quella si vuole, quella più facile da tagliare è sicuramente la violina.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Gli ingredienti:

  • 500 grammi di zucca pulita;
  • 100 grammi di pangrattato;
  • 100 grammi di Parmigiano Reggiano;
  • 50 grammi di scamorza affumicata;
  • 1 uovo;
  • salvia;
  • olio evo;
  • sale.

Primo step è quello di prendere la zucca, togliere la buccia e tagliare poi la zucca a rondelle. Prendiamo una teglia, ci mettiamo sopra un foglio antiaderente lavabile e disponiamo la zucca. Finiamo con un filo d’olio e del sale, e poi in forno statico preriscaldato a 200 gradi per mezz’ora.

Mentre la zucca si cuoce prendiamo la salvia e la tritiamo. Prendiamo i 50 grammi di scamorza e la tagliamo a cubetti piccoli. Passati i 30 minuti, tiriamo fuori la zucca cotta e la mettiamo in una ciotola. Schiacciamo la zucca, aggiungiamo il pangrattato, il parmigiano, l’uovo e la salvia. Ora con le mani, ovviamente pulite, impastiamo il tutto.

Facciamo delle polpettine e in ognuna ci infiliamo della scamorza. Facciamo più polpette possibili, con questi grammi dovrebbero venire circa 16 polpette. Passiamo ogni polpetta nel pangrattato prima di friggerla. Prendiamo in questo caso dell’olio di semi e friggiamo polpetta per polpetta. Man mano che sono pronte le mettiamo su della carta assorbente così l’olio si ritira. Cerchiamo di friggere le polpette massimo due insieme, sennò la temperatura dell’olio si abbassa.

Approfondimento

Deliziosa ricetta calabrese da provare e facilissima da fare con le alici e il caciocavallo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te