Piccole tecniche da copiare assolutamente per una crema pasticcera eccezionale

Liscia, densa, profumatissima e delicata. La crema pasticcera probabilmente è tra le preparazioni più amate e utilizzate nelle ricette di dolci della tradizione. Ottima per farcire la pasta sfoglia, crostate e il pan di Spagna, può essere servita anche al cucchiaio, in una tazzina accompagnata da qualche biscottino.

La ricetta è molto semplice ma non è così raro cadere in errori banali o disattenzioni che compromettono il risultato finale. Di seguito, la Redazione ha raccolto qualche piccolo segreto dagli chef più rinomati per una crema pasticcera al dir poco sublime.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Piccole tecniche da copiare assolutamente per una crema pasticcera eccezionale

Innanzitutto, una crema pasticcera perfetta deve apparire liscia e di colore giallo tenue. Inoltre, per un sapore memorabile, bisogna prestare attenzione ovviamente agli ingredienti.

Nel dettaglio, per quanto riguarda il latte, è meglio preferire il latte fresco ed intero. Per conservare la crema più a lungo, un buon trucchetto è quello di sostituire il latte con la panna che grazie ai grassi riuscirà a conservare meglio la crema e per più giorni. Gli esperti raccomandano di sostituire al massimo 300 g di latte con la stessa quantità di panna, su 1 litro di latte.

Lo zucchero

Lo zucchero va lavorato energicamente e velocemente con le uova. Questo perché i granelli di zucchero tenderanno ad assorbire la parte acquosa dell’uovo. Compromettendo un risultato finale da favola.

Le farine e gli amidi

Le farine e gli amidi hanno il compito di addensare la crema e di regalarle brillantezza.
Attenzione, però, alla temperatura. Per attivare il processo di gelificazione le temperature sono differenti a seconda dell’ingrediente usato.
Da 81 a 94°C per l’amido di frumento, da 72 a 84°C per l’amido di mais e da 76 a 92°C per l’amido di riso. Inoltre, bisogna ricordare anche che se facciamo cuocere troppo poco la nostra crema, gli amidi avranno difficoltà a gelificare. Se la cottura, invece, è eccessiva, gli amidi si gelificheranno subito per poi rompersi.

Se “Piccole tecniche da copiare assolutamente per una crema pasticcera eccezionale” è stato utile ai Lettori, si consiglia anche “Farcitura perfetta grazie a questa crema pasticcera che non tutti conoscono, consigliatissima!”.

Consigliati per te