Perché l’esposizione al sole potrebbe ridurre la psoriasi e quali alimenti evitare sulla tavola per stare meglio

Mangiare bene è alla base di tutto. Grazie all’alimentazione si potrebbero ridurre i sintomi di numerose malattie. La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle, lo stress può essere la causa scatenante o peggiorativa. In Italia si conta un gran numero di persone affette da questa malattia, quasi 3 milioni di persone con età compresa tra i 15 e i 45 anni. La psoriasi ha un grande impatto sulla sfera sociale del soggetto che ne soffre. Si manifesta con la comparsa di chiazze rosse e con formazione di croste. I sintomi insorgono solitamente prima dei 20 anni e si possono formare in varie parti del corpo:

  • gomiti;
  • cuoio capelluto;
  • unghie;
  • fondoschiena.

Da cosa è causata

La psoriasi può essere di natura genetica, quindi trasmessa da famigliari, oppure può essere influenzata da condizioni ambientali o condizioni emotive. Ad esempio, lo stress e l’ansia potrebbero aumentare l’insorgenza dei sintomi. Sostanzialmente è causata da un’iperattività del sistema immunitario che porta alla produzione eccessiva di cellule cutanee, ispessendo la pelle e portando alla formazione tipica delle macchie. La presenza di queste ultime può variare in base ai periodi e si ha un miglioramento durante la stagione estiva, quando si va al mare.

Perché l’esposizione al sole potrebbe ridurre la psoriasi e quali alimenti evitare sulla tavola per stare meglio

L’azione positiva di raggi UV provenienti da fonti naturali o artificiali attraverso la fototerapia, ha riscontrato successo nelle persone affette da psoriasi. Ovviamente l’esposizione al sole, in particolar modo negli ultimi anni, se eccesiva potrebbe causare seri problemi per la salute della pelle. È bene in ogni caso applicare creme protettive ed evitare le ore più calde (dalle 12 alle 16).

Il motivo per il quale l’esposizione al sole fa bene è dato dal fatto che i raggi UVB hanno un effetto antinfiammatorio, riducendo così le macchie rosse e le lesioni. Raggi solari e mare, combinati insieme, avrebbero un’azione lenitiva, ecco perché l’esposizione al sole potrebbe ridurre la psoriasi.

Psoriasi e alimentazione

Anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale per la psoriasi. In questi soggetti è consigliata una dieta ipocalorica e ricca di antiossidanti e antinfiammatori, priva di alcol e povera di grassi e zuccheri. Mangiare tanta frutta e verdura, oltre che per l’assimilazione di sali minerali, è utile perché favorisce l’idratazione cutanea, prevenendo rossori e formazione di croste. La dieta mediterranea potrebbe essere un ottimo modello da seguire, in quanto si assocerebbe all’abbassamento di numerose patologie di natura oncologica, metabolica e infiammatoria, come la psoriasi.

Approfondimento

Sarebbero questi i cibi da mangiare e quelli da evitare per stare in salute, migliorare la dieta e ridurre le possibilità di ammalarsi

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te