Per smorzare la glicemia a digiuno e dopo pranzo ne basterebbero 2 grammi per pochissime settimane

Non sempre ci si rende conto di ingerire molti zuccheri nel corso della giornata. Ma molti dei cibi che consumiamo durante i pasti principali e soprattutto a colazione sono pieni di glucidi. E altrettanti e forse anche più sono quelli presenti negli snack e negli spuntini di mezza mattinata o del pomeriggio. Dalle analisi del sangue potrebbero quindi facilmente risultare livelli glicemici troppo alti. E si consideri che sono già questi i valori di glicemia che rivelano il pre-diabete o il diabete di tipo 2.

Attualmente sono anche i soggetti più giovani a mostrare maggiore vulnerabilità alle malattie diabetiche. E ciò è in larga parte dovuto a stili alimentari pessimi che si basano sul consumo di cibi processati a livello industriale. Chi evita di ingerire alimenti con conservanti e grassi idrogenati ha più probabilità di non sviluppare patologie cardiovascolari.

In ogni caso una maggiore attenzione a ciò che si ingerisce oltre che alla quantità potrebbe salvare da una serie di disturbi cronici. Per esempio contro l’assalto del diabete quest’insospettabile bevanda prima di pranzo potrebbe aiutarci a far calare sensibilmente la glicemia.

Così come a giudizio dei ricercatori per smorzare la glicemia a digiuno e dopo pranzo ne basterebbero 2 grammi per pochissime settimane. E per molti pazienti diabetici può giovare anche l’assunzione di specifiche sostanze nutritive per ridurre i livelli glicemici. Dopo aver consultato il proprio medico si potrebbe pertanto provare ad integrare una dieta corretta con prodotti alimentari. E di fatto ecco di quanto scende la glicemia con pochi milligrammi di questo integratore naturale in breve tempo.

Per smorzare la glicemia a digiuno e dopo pranzo ne basterebbero 2 grammi per pochissime settimane

In base ad alcuni studi la spirulina avrebbe rivelato grandi potenzialità nella cura di alcuni disturbi. Per molti versi rappresenta un alimento terapeutico proprio in virtù delle sue proprietà ipoglicemizzante. Dalle ricerche che hanno coinvolto soggetti affetti da diabete di tipo 2 sono emerse significative riduzione dei livelli glicemici.

Ai pazienti diabetici sono stati somministrati 2 grammi di spirulina per 8 settimane. E rispetto ai livelli di glucosio prima e dopo il trattamento si è rilevato una diminuzione della glicemia sia a digiuno che post-prandiale. Anche a lungo termine i ricercatori hanno potuto notare un miglioramento significativo nella regolazione del glucosio. Oltre a ciò si è registrato un apprezzabile abbassamento dei valori di colesterolo litoproteico a bassa densità. Pertanto tali studi sembrano confermare l’efficacia dell’integrazione con l’alga spirulina nel controllo dei parametri standard. Inoltre quest’alga contiene proteine  e vitamine in abbondanza ed è un’ottima fonte di antiossidanti contro eventuali infiammazioni.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te