Per dimagrire più velocemente oltre a dieta e palestra potrebbero aiutare questi 2 rimedi naturali, ma attenzione alle controindicazioni

Eccoci in primavera e come ogni anno, facendo il cambio armadio, cerchiamo di capire cosa conservare e cosa no. È tempo di pantaloni, gonne, giacche e camicie, tutti capi più leggeri. Magari proviamo un jeans che non indossiamo da un anno e scopriamo che non chiude più in vita. Lo stesso può capitare con qualche altro indumento. Dopo gli eccessi invernali, quindi, per depurare l’organismo e magari perdere qualche chilo di troppo, possiamo intraprendere una dieta ipocalorica sotto il consiglio di un nutrizionista.

Questo, però, potrebbe non bastare, quindi faremo anche dell’attività fisica. Camminare, nuotare in piscina o andare in palestra farà bruciare calorie e tonificherà probabilmente meglio i nostri muscoli. E poi dalla natura potremmo ricevere un aiuto. Non solo potremmo introdurre un po’ più di verdura, frutta e fibre, ma anche due sostanze particolari.

Un aiuto naturale

Una pianta di origine amazzonica ormai nota ovunque è quella del guaranà, di cui si utilizzano i semi. Questi contengono caffeina e sembrano possedere svariate proprietà. Il guaranà è infatti usato sotto forma di bevanda o capsule in caso di stress fisici e mentali, poiché sarebbe un tonico ed energizzante. Potrebbe, inoltre, stimolare il metabolismo in un regime alimentare controllato. Tra gli altri benefici, sembrerebbe stimolare il sistema nervoso centrale e il cuore. L’assunzione del guaranà dovrebbe avvenire per periodi ridotti e alle dosi consigliate dagli specialisti. Dosi eccessive, superiori a 250 mg, provocherebbero insonnia, nervosismo, alterazioni dei battiti cardiaci, problemi alla respirazione e altri effetti collaterali. Dovrebbe essere inoltre evitata l’associazione con alcuni farmaci, tra cui gli antidiabetici.

Per dimagrire più velocemente oltre a dieta e palestra potrebbero aiutare questi 2 rimedi naturali, ma attenzione alle controindicazioni

Un altro possibile aiuto potrebbe consistere nell’uso del caffè verde, che non è altro che il seme di caffè non tostato. Oltre all’attenzione alla dieta, quindi, una sostanza in esso contenuta, l’acido clorogenico potrebbe aiutare nella perdita di peso. Questa sostanza è un antiossidante che, insieme alla caffeina, stimolerebbe il metabolismo, controllerebbe i livelli della glicemia e potrebbe anche ridurre la pressione sanguigna.  Il caffè verde si può assumere in forma solubile o in capsule. In dosi eccessive e nel lungo periodo potrebbe causare dei problemi. Sarebbe meglio, quindi, non abusarne ed evitarlo, ad esempio, in caso di diabete, problemi con la pressione, ansia e patologie legate al colon.

Per dimagrire più velocemente, quindi, ci sono tanti aiuti naturali, come il guaranà o il caffè verde. Bisognerebbe però sempre consultare il proprio medico o il nutrizionista per capire se si possono assumere, in che quantità e per quanto tempo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te