Per calmare l’ansia in modo naturale e senza farmaci sarebbero questi i 5 alimenti da mangiare scientificamente approvati

L’ansia è uno dei problemi che maggiormente affligge la società moderna. Stati di agitazione, palpitazioni, sensazione di soffocamento e gola che si chiude sono solo alcuni dei sintomi che compaiono in presenza di forti stati di ansia e attacchi di panico.

Tanti possono essere i motivi scatenanti dell’ansia. Sicuramente tra questi ritroviamo lo stress e le eccessive pressioni a cui tutti siamo soggetti, oltre che nervosismo e preoccupazioni eccessive.

In particolare, può capitare che in alcuni periodi della vita ci siano momenti maggiormente impegnativi nei quali possono manifestarsi stati di ansia.

Lo sport che ci salva

Per contrastarli il primo consiglio è sicuramente quello di praticare delle tecniche di rilassamento come lo yoga o la meditazione. Queste discipline olistiche hanno la capacità di riportarci con la mente nel momento presente, liberandoci da pensieri ansiogeni. Anche lo sport sembrerebbe essere un grande alleato; infatti praticare sport favorisce lo sviluppo di endorfine.

Per calmare l’ansia in modo naturale e senza farmaci sarebbero questi i 5 alimenti da mangiare scientificamente approvati

Un altro supporto in caso di ansia arriva dalla tavola. Infatti, sappiamo che esistono alcuni alimenti in grado di far aumentare i livelli di ansia, come quelli contenenti sostanze eccitanti, tra cui il caffè. Sappiamo anche, però, che altri alimenti potrebbero essere in grado di favorire il rilassamento e di diminuire gli ormoni dello stress.

5 alimenti ansiolitici

Secondo evidenze scientifiche, infatti, sarebbero questi i 5 alimenti da preferire per le loro caratteristiche nutrizionali in caso di ansia. Vediamo quali sono.

Ad avere effetti benefici sugli stati di ansia e stress troviamo il pesce azzurro come salmone, alici e sgombro. L’elevata presenza di proteine nobili, di vitamina D e di omega 3 lo rendono un ottimo alimento. Infatti, gli omega 3 sono importanti nello sviluppo di sostanze come la dopamina e la serotonina, che solitamente risultano alterati in chi soffre di questi disturbi.

Un altro alimento ansiolitico è il cioccolato fondente originale e non quello zuccherato. Questo conterrebbe un’elevata presenza di polifenoli, degli antiossidanti che esplicherebbero effetti benefici a livello cerebrale. Infatti, da uno studio condotto su 90 soggetti ansiopatici, si è visto come la somministrazione di 2 pezzetti di cioccolato fondente al giorno possano risultare efficaci nel migliorare i livelli degli ormoni dello stress come il cortisolo.

Anche il consumo di yogurt privo di zuccheri aggiunti e ricco di fermenti lattici vivi potrebbe influenzare positivamente il microbiota intestinale. Un microbiota intestinale sano, infatti, migliorerebbe le performance cognitive e ridurrebbe gli stati di ansia.

Due bevande

Infine il consumo di tè verde e camomilla esplicherebbe degli effetti positivi sulle funzioni cognitive, riducendo gli stati di ansia.

La camomilla, infatti, sarebbe ricca di antiossidanti, i quali sarebbero fondamentali nel contrastare lo stato di ansia. Il tè, invece, sarebbe pieno di catechine, in particolare di teanina, una sostanza in grado di ridurre gli stati di ansia. Infatti, sembrerebbe che la teanina potrebbe ridurre i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.

Dunque, per calmare l’ansia in modo naturale e senza farmaci potremmo consumare con cadenza almeno di 2 volte a settimana i suddetti alimenti.

Infine, ricordiamo che in caso di ansia sarebbe preferibile ridurre il consumo dei cosiddetti alimenti junk food ed evitare un’eccessiva sedentarietà.

Lettura consigliata

Stitichezza, problemi ad andare in bagno, feci dure e stipsi potrebbero dipendere dalla scarsa assunzione di quest’alimento importantissimo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te