Oltre ad abbassare il colesterolo, quest’erba aromatica antiossidante aiuterebbe anche a mantenere il cuore in salute

Che siano fresche o essiccate, le erbe aromatiche sono un ingrediente fondamentale nelle ricette di tutti i giorni. In tanti però ancora sottovalutano le proprietà terapeutiche di queste piante, che nei tempi antichi erano invece molto utilizzate per curare vari disturbi.

In questo articolo, concentreremo la nostra attenzione su una particolare erba aromatica nota per le sue proprietà curative: la santoreggia. Infatti, oltre ad abbassare il colesterolo, quest’erba aromatica antiossidante aiuterebbe anche a mantenere il cuore in salute

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Una sola pianta, diversi sapori

La santoreggia, anche nota come “erba pepe”, può essere sia estiva che invernale (montana).
Entrambe crescono e si riproducono in maniera spontanea, soprattutto nelle zone dove vi è una lunga esposizione solare. Si può facilmente reperire nei campi incolti, o si può coltivare in vaso senza troppa fatica.

La differenza tra queste due varietà sta essenzialmente nella struttura e nel sapore.
La satureja hortensis, ossia quella estiva, è una pianta erbacea ed è più piccola rispetto a quella montana. Ha un sapore molto delicato, simile quasi a quella dell’origano e, per questo motivo, è più indicata per insaporire le ricette.
La satureja montana, invece, ha un portamento cespuglioso e possiede dei sentori simili a quelli del limone.
Rispetto a quella estiva, questa varietà è molto resistente alle temperature rigide dell’inverno, anche al di sotto dello zero.

Tuttavia, oltre ad abbassare il colesterolo, quest’erba aromatica antiossidante aiuterebbe anche a mantenere il cuore in salute

Parlando invece dei benefici per la salute, quest’erba aromatica potrebbe essere un vero toccasana per vari disturbi.
Come riportano alcune ricerche, la santoreggia estiva è fonte di sali minerali, importanti per la salute del cuore, dei globuli rossi e delle ossa. Inoltre, è un concentrato di antiossidanti e fibre che aiuterebbero a tenere a bada i livelli di colesterolo nel sangue.
Oltre a questo, essa contiene numerose vitamine, come quelle del gruppo A, C e B6, che sono alleate formidabili del metabolismo.

La santoreggia estiva, tuttavia, potrebbe rallentare la coagulazione del sangue e quindi aumentare i rischi di emorragie. In questo caso, è bene avvisare il proprio medico in caso di interventi, o per valutare l’associazione con altri farmaci.

Per quanto riguarda la santoreggia invernale, invece, potrebbe favorire la diuresi e la vasodilatazione. Essa potrebbe interferire con l’assunzione di litio, contenuto ad esempio in alcuni farmaci utilizzati per trattare malattie psichiatriche.

Approfondimento

L’abuso di questa bevanda potrebbe provocare effetti collaterali se si assumono certi farmaci contro il colesterolo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te