Ok San Teodoro e Stintino ma la Sardegna offre un entroterra unico

Davvero difficile dire quale sia il mare più bello della Sardegna. Più facile elencare delle località che appartengono al mito del turismo internazionale. Porto Cervo e Porto Rotondo con gli yacht ancorati degli emiri arabi e dei petrolieri internazionali. Compresi quelli sotto sequestro dei magnati russi del gas. La Sardegna è effettivamente un mare italiano, ma forse è pienamente considerato soprattutto dagli stranieri. Come accade spesso, quando abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni qualcosa di meraviglioso quasi ce ne dimentichiamo. Sogniamo le Maldive le Hawaii, Bali e le Galapagos e i visitatori internazionali se ne vengono in Sardegna. Per una volta andremo anche noi alla scoperta dell’entroterra di questa bellissima regione, per coloro che vogliono visitarla a 360°.

Quali sono i posti più belli dell’entroterra della Sardegna

Nel 2015, Castelsardo è stato insignito del premio Borgo dei Borghi, riconoscimento che spetta alle località più affascinanti dell’anno. Ci troviamo nel Nord dell’isola, a una mezz’oretta di macchina da Sassari. Nei secoli questo borgo, meta decisamente consigliata per i fotografi, era una vera e propria roccaforte difensiva e quasi inespugnabile. In un’isola che per secoli ha convissuto coi pirati, Castelsardo rappresenta ancora oggi una meta imperdibile per gli appassionati di arte, storia e archeologia.

Ok San Teodoro e Stintino ma la Sardegna offre un entroterra unico

Se abbiamo voglia di intraprendere un viaggio all’interno di questa meravigliosa isola alla scoperta delle montagne, ecco il bellissimo borgo di Montiferru. Siamo nella cosiddetta Penisola del Sinis, questa volta nella parte occidentale dell’isola, boschi, aree naturali e vulcani. Un paesaggio praticamente incontaminato, caratterizzato da sentieri naturali che si snodano tra torrenti e fiumi. Foreste sorprendenti, che sembrano uscite dalle saghe cinematografiche più famose e dove ora è possibile anche vedere falchi e poiane.

A 10 minuti da Porto Cervo

Ok San Teodoro e Stintino ma la Sardegna, come dicevamo, può stupirci anche vicino alle mete più famose. Bastano 10 minuti o poco più per trasferirsi da Porto Cervo al piccolo gioiello di San Pantaleo. Immerso tra le montagne, questo caratteristico paesino è una meta assolutamente adorata da artisti, fotografi e pittori. Durante tutta l’estate, soprattutto nel weekend, sarà possibile tuffarsi nell’atmosfera tipica sarda, fra balli e canzoni, arte e cultura, tradizione enogastronomica e folklore. Una meta assolutamente da non perdere per chi cerca una Sardegna diversa.

Lettura consigliata

Unica al Mondo questa località amena dell’Italia col mare dalle sfumature dello smeraldo come le Maldive

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te