Occasioni d’oro e irripetibili per la felicità di chi ha soldi sul conto corrente

L’inflazione quasi sempre è un male, ma in alcuni casi particolari vale il contrario.

Tuttavia, per cogliere fino in fondo tutti i vantaggi dell’inflazione servono due ingredienti speciali. Primo, la pazienza nel saper attendere; secondo, individuare il timing giusto e in questa sede spiegheremo il perché.

Entriamo nel vivo, ecco alcune occasioni d’oro e irripetibili per la felicità di chi ha soldi sul conto corrente.

Investimenti a reddito fisso

Il nostro riferimento è a chi investe in strumenti a reddito fisso. In questi casi, infatti, si impegna X liquidità su uno strumento che per tutta la sua durata riconoscerà un interesse fisso.

Il rendimento netto sarà dato allora dalla differenza tra l’interesse nominale e le tasse e il tasso d’inflazione.

“Sbagliare” prodotto, quindi, può essere giusto una spanna meno deleterio rispetto al deposito in conto corrente. Cioè investire su uno strumento con una cedola o un tasso d’interesse molto più basso del tasso d’inflazione equivale a una perdita attutita ma sicura.

Qual è il timing giusto per comprare BTP

Ma qual è il timing giusto, il momento d’oro in cui conviene comprare strumenti a reddito fisso e assicurarsi l’”affare” nel tempo? Per la teoria economica essi sono i seguenti :

a) quando i tassi d’interesse sono al loro massimo (di periodo) e si prevede una loro prossima discesa.

b) quando è invece l’inflazione al suo massimo e anche per essa se ne prevede una futura discesa;

c) infine abbiamo lo spread, e anche qui vale lo stesso discorso dei 2 punti precedenti.

Cioè nei periodi di tassi, inflazione e spread elevati l’emittente di un debito sovrano dovrebbe (in teoria) collocare prodotti a tassi maggiori. E questo per adeguare la remunerazione alle mutate condizioni di mercato.

Ad esempio chi ha seguito il trend dello spread nel 2020 si è assicurato il 10% in un anno con questo BTP (qui i dettagli).

Inflazione e Autorità monetarie

Dei tre parametri su esposti, quello più “fattibile” per adesso sembra l’inflazione. I tassi sono di competenza BCE e per il 2021 non dovrebbe toccarli, quindi speranza sfumata. Per lo spread si è sempre sul chi va là: al riguardo, il Governo Draghi funge appunto da deterrente.

A questo punto resta l’inflazione, il cui trend è in ascesa da qualche mese. Le Autorità monetarie mondiali si stanno affannando a dire che l’attuale fiammata inflazionistica è solo temporanea. E se così non fosse (del resto anche il loro è un esercizio di previsione)?

Dunque, occasioni d’oro e irripetibili per la felicità di chi ha soldi sul conto corrente

Il grafico sottostante mostra il trend dell’inflazione del Millennio. Se si associa lo storico dei rendimenti delle emissioni sovrane e il costo della vita, si nota una certa corrispondenza positiva. Non sempre è rispettata, ma la regola molte volte trova riscontro.

inflazione millennio

A questo punto resta un ultimo, grande dubbio. Ossia capire quale sarà il massimo di periodo dell’inflazione per individuare il timing “giusto” per investire a medio-lungo termine.

Lasciamo quest’esercizio al singolo risparmiatore, l’unico in grado di conoscere i tempi e le attese del proprio investimento, e relativa propensione al rischio.

Approfondimento

Tre incubi minacciano i soldi di chi possiede BTP e titoli di Stato.

Consigliati per te