Non solo il cioccolato ma anche questi 2 comunissimi ortaggi potrebbero essere velenosi per il cane

L’alimentazione del nostro cane deve seguire delle rigide regole, se non vogliamo causargli danni certamente involontari ma non per questo meno spiacevoli. È noto che per i cani risultano tossici molti alimenti fondamentali per la dieta di noi umani. Su questi spicca il cioccolato, di cui è rinomata la tossicità per i cani. Ma la lista degli alimenti potenzialmente tossici si allunga. Anche l’uva, per esempio, può provocare problemi al cane, come altri tipi di frutta. Tra gli alimenti da evitare ce ne sono anche 2 che usiamo ampiamente ogni giorno in cucina: aglio e cipolla. Non solo il cioccolato ma anche questi 2 comunissimi ortaggi potrebbero essere velenosi per il cane, quindi meglio fare attenzione a non farne cadere residui a terra. Vediamo quando questi alimenti possono essere dannosi per i nostri animali e in quali dosi.

Non solo il cioccolato ma anche questi 2 comunissimi ortaggi potrebbero essere velenosi per il cane

Tutti gli ortaggi appartenenti alla famiglia degli Allium, come aglio e cipolla, ma anche porro ed erba cipollina, contengono una sostanza chiamata solfuro di allile. Questa sostanza può risultare tossica per il nostro cane e causargli danni all’emoglobina e una conseguente anemia emolitica. L’anemia emolitica provoca, in parole povere, la rottura dei globuli rossi e l’impossibilità di trasportare ossigeno. Questa anemia può portare a un evidente affaticamento, malfunzionamento di alcuni organi e in rari casi anche alla morte. Chiaro è che per arrivare all’intossicazione grave il cane deve aver mangiato abbondanti quantità di aglio o cipolla. Secondo alcuni studi, dovrebbe ingerire tra i 15 e 30 grammi per chilo corporeo per provocare danni gravi all’emoglobina (uno spicchio d’aglio ne pesa 7). Ma è altresì vero che ogni cane reagisce in modo differente e in alcuni casi anche quantità più piccole possono comportare complicazioni.

Come riconoscere in tempo l’intossicazione dai sintomi

Nessun padrone assennato darà deliberatamente dell’aglio o della cipolla al suo cane. Il rischio, però, c’è quando siamo abituati a sfamarlo con i nostri cibi. In tal caso dobbiamo stare attenti e ricordare con quali ingredienti è stato preparato il nostro piatto.

In caso di intossicazione da solfuro di allile, i primi sintomi riconoscibili sono stanchezza e scoordinazione nei movimenti. Potremmo notare anche che le gengive sono insolitamente bianche e che la produzione di saliva è eccessiva. Da ultimo, le urine potrebbero presentare tracce di sangue e il cane potrebbe soffrire di attacchi di diarrea e vomito. In questi casi, è bene avvertire subito il veterinario.

Approfondimento

Attenzione perché gli occhi rossi del nostro cane potrebbero nascondere questa grave malattia

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te