Non solo broccoli e bietole ma questo l’ortaggio invernale che aiuterebbe a ridurre il colesterolo cattivo e la pressione alta

Il colesterolo alto è oggi uno dei valori del sangue quasi sempre alterati e più temuti. Una elevata presenza di colesterolo infatti potrebbe favorire la comparsa di malattie cardiovascolari, come ictus, infarti e malattie a carico dei vasi sanguigni.

Le possibili cause dell’aumento di questo grasso presente nel sangue possono essere una vita sedentaria ed un’alimentazione troppo ricca di zuccheri e grassi.

Mangiare spesso merendine, brioches, formaggi e carni lavorate infatti inciderebbe negativamente sui valori del colesterolo. Ma allora meglio uova e crostacei o meglio carne rossa e formaggi per mantenere il colesterolo basso e ridurre il rischio di infarto.

Ad incidere negativamente sulla nostra salute non ci sarebberp solo gli alimenti, ma anche le bevande che utilizziamo, come l’alcol, bibite varie, le bevande gassate e piene di zuccheri. Infatti chi beve ogni mattina questa gustosa bevanda in questo modo ingrasserebbe velocemente e accumulerebbe più grasso sull’addome.

La natura che fa bene

A differenza dell’industria alimentare che ci propone alimenti ricchi di grassi saturi e carboidrati semplici.  La natura magnanima, ci offre una vasta scelta di alimenti salutari e ricchi di proprietà benefiche per l’organismo.

In particolare i mesi invernali sono ricchi di ortaggi che ci aiuterebbero a tenere sotto controllo alcuni valori come il colesterolo e la pressione sanguigna. Questi ortaggi ricchi di vitamine e antiossidanti ci aiuterebbero nella prevenzione di molte malattie.

Non solo broccoli e bietole ma questo l’ortaggio invernale che aiuterebbe a ridurre il colesterolo cattivo e la pressione alta

Un esempio i broccoli e le bietole, due alimenti ricchi di fibra, bassi di calorie che ci aiuterebbero a rimanere in forma. Ricchi di betacarotene e sali minerali come ferro e potassio, calcio, selenio, magnesio e sodio. E ancora vitamina A, quelle del gruppo B e vitamina C. Inoltre, aiuterebbero a ridurre i livelli di colesterolo e farebbero bene alla salute dei vasi, grazie alla presenza di vitamina B che contrasterebbe i livelli di omocisteina.

Bietole e broccoli però non sono gli unici alimenti invernali a contrastare il colesterolo cattivo, ma anche i carciofi arrivano in nostro soccorso.

Questi ortaggi sono degli ottimi alleati della salute tanto da essere utilizzati non solo nell’alimentazione, ma anche come rimedi depurativi per il fegato.

Alimenti davvero molto leggeri in termini di apporto calorico, Avrebbero numerosi benefici. Fonte di fibre, di sali minerali in particolare di ferro e vitamine del gruppo B e C. Avrebbero proprietà depurative, remineralizzanti ed epatoprotettive.

Ci aiuterebbero a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo grazie alla presenza di cianina. Un flavonoide che contribuirebbe a ridurre l’ossidazione del colesterolo cattivo. Inoltre avrebbe spiccate proprietà depurative e favorirebbe l’eliminazione di tossine.

Dunque, non solo broccoli e bietole ma questo l’ortaggio invernale che aiuterebbe a ridurre il colesterolo cattivo e la pressione alta.

False credenze

Spesso quando si parla di colesterolo molti alimenti tendono ad essere demonizzati, un esempio fra tutti è la mozzarella. Certo a parità di proteine e grassi contenuti, sarebbe sempre preferibile optare per una fettina di pollo o un pesciolino più magro. Tuttavia anche i formaggi, gli yogurt e i latticini in generale, possono far parte di una sana alimentazione. Infatti non parmigiano e stracchino ma questo il formaggio fresco magrissimo ideale con colesterolo alto e adatto alla dieta. Questi alimenti in maniera ridotta possono essere introdotti all’interno di un’alimentazione varia ed equilibrata.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te