Molti rovinano i salumi freschi appena comprati ma ecco come conservarli al meglio

Fino a 2 secoli fa, non esistevano i metodi per conservare a lungo i vari salumi e affettati. Le tecniche più diffuse, ancora oggi utilizzate, sono la salagione o affumicatura. Poi, l’avvento dei vari conservanti e lo sviluppo tecnologico hanno permesso di farli durare più tempo, senza rischi per la salute. Ma si vuole anche assicurare un sapore fresco e intenso, anche a distanza di giorni e settimane dall’acquisto.

Un buon salume contiene determinate qualità e proprietà, che, nel tempo, devono rimanere e non svanire. Quando decidiamo di acquistarlo, intero o affettato, cerchiamo di scegliere un prodotto di qualità, con provenienza e lavorazione accertata. Ma è anche compito nostro, in casa, conservare queste prelibatezze nel migliore dei modi, a seconda se sono pezzi interi, stagionati o freschi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Molti rovinano i salumi freschi appena comprati ma ecco come conservarli al meglio

Non bisogna essere esperti del settore per mantenerli gustosi, ma semplicemente rispettare delle regole utili e semplici. Prima di tutto, bisogna distinguere i vari tipi di salumi, se si tratta di un prodotto morbido, ad esempio, avrà bisogno di maggiore umidità e dovremo consumarlo prima possibile, ma si conservano anche per un mese intero.

Le cose cambiano se i salumi sono sigillati sottovuoto, una volta aperti, infatti, avremo meno tempo per mangiarli. Le temperature di conservazione possono variare. Se i salumi sono freschi o cotti, è fondamentale tenerli in frigorifero, mantenendo una temperatura che si aggira intorno ai 3 gradi.

Se, invece, si tratta di prodotti stagionati e interi, come alcuni tipi di salami e prosciutti, sicuramente avranno una durata maggiore. In questo caso, possiamo riporli in un luogo che abbia una temperatura che non supera i 20 gradi, ma che non sia inferiore di 15°. Appendiamo i salumi dove c’è più vento e fresco, evitando stanze troppo umide, che causerebbero la formazione della muffa.

Affettati

Molti rovinano i salumi freschi appena comprati, ma ecco come conservarli al meglio. Se dobbiamo usare gli affettati per preparare un ottimo antipasto o aperitivo, ad esempio, ricordiamoci poi di richiudere perfettamente la confezione. Sigilliamo tutto il pacco con la carta stagnola, per non fare entrare aria e posizioniamolo in frigorifero, dove arriva meno freddo.

In alternativa, possiamo utilizzare contenitori appositi, ermetici e senza fessure. Se, invece, li conserviamo sottovuoto, con l’apposito strumento, la durata sarà maggiore e anche dopo mesi potremmo mangiare i nostri salumi. Facciamo sempre caso, però, al colore del salume. Se cambia, infatti, potrebbe essere un segnale non proprio positivo.

Assolutamente sconsigliato congelarli in freezer, soprattutto se sono trattati, perché potrebbe deteriorarsi. Ma possiamo tranquillamente mettere i salumi stagionati sott’olio, sterilizzando il barattolo e riponendolo nella dispensa.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te