Molti lo chiamano piccola Bologna ed è ideale per un weekend di settembre

Settembre, nell’immaginario collettivo, è il mese della malinconia da post vacanze. Molte persone, una volta terminato agosto, si arrendono al fatto che bisogna ricominciare la solita routine, tra lavoro ed altri impegni. In realtà, però, ciò non è necessariamente vero, perché le condizioni climatiche sono ancora ottime per permettersi qualche scampagnata, o gita fuori porta.

Un ottimo posto da visitare, ad esempio, potrebbe essere Pieve di Cento, un comune di 7.173 abitanti, situato a circa 30 km da Bologna. Eletta nel 2019 “Bandiera Arancione” del Touring Club Italiano, questo piccolo paesino è un vero e proprio scrigno di bellezza, cultura e buon cibo. Addirittura, molti lo chiamano piccola Bologna, non solo per la vicinanza con il capoluogo (dista circa 30 km da Bologna), ma anche per ciò che offre.

Cosa vedere e visitare a Pieve di Cento

Tra gli edifici e luoghi d’interesse principali, spiccano alcuni luoghi di cultura, come il Museo delle Storie di Pieve, che racconta la storia millenaria del borgo. Poi abbiamo:

  • il Museo della Canapa, che ripercorre la storia della coltivazione di questa pianta tra l’800 e il ‘900;
  • la Pinacoteca Biblioteca Le Scuole, un ex edificio scolastico sgomberato dopo il sisma del 2012 e dal 2021 polo culturale di estremo valore;
  • il Museo della Musica, che sorge all’interno del palazzo comunale ed ospita una vastissima collezione di strumenti musicali, documenti, cimeli, oggetti d’epoca, fotografie e tanto altro;
  • il Museo Magi ‘900, che ospita oltre 2.000 opere d’arte contemporanea;
  • la Casa della Musica, una struttura architettonica che ricorda le percussioni, anch’essa dedicata alla musica e simbolo della rinascita cittadina dopo il terremoto.

Tra le architetture religiose, invece, ricordiamo la Chiesa della Santissima Trinità, quella di Santa Chiara e quella di San Rocco e San Sebastiano (ora inagibile). Infine, vi è anche la Collegiata di Santa Maria Maggiore, che ospita il Crocifisso miracoloso, un’opera lignea realizzata tra il XIV e il XV secolo da un autore ignoto.

Molti lo chiamano piccola Bologna ed è ideale per un weekend di settembre

Con tutti gli edifici, le strutture ed i musei da vedere e visitare, le cose da fare a Pieve di Cento non mancano di certo. Tuttavia, a settembre, potremmo avere altre valide motivazioni per organizzare un bel weekend in questo splendido borgo.

Infatti, nei weekend tra 17-18 settembre e 24-25 settembre, si potrà partecipare alla “Sagra dei Sapori d’Autunno, una manifestazione a cura delle Pro Loco Pieve di Cento.

Durante quest’occasione, che si svolge ogni anno, sarà possibile scoprire i sapori stagioni tipici del territorio centopievese, grazie allo stand gastronomico. Quindi, si potranno assaggiare le zucche, la salsiccia, il ragù di carne e tantissimo altro.

La sagra si terrà nel Parco Venturi, in via Asia 7, sabato alle ore 19:00 e domenica, dalle ore 12:00 alle 19:00. Per ulteriori informazioni e prenotazioni, consigliamo di visitare la pagina ufficiale del Comune.

Lettura consigliata

Secondo un’indagine sarebbe questa la regione italiana più conveniente per i turisti dove si spende poco per dormire e mangiare

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te