Mai buttare le vaschette di plastica del gelato perché possiamo riciclarle in 4 idee creative utili per casa e giardino

Tantissimi dei prodotti che acquistiamo durante la spesa e che affollano frigorifero, congelatore e dispensa sono chiusi in contenitori di vario materiale. Questi solitamente, una volta esaurito il contenuto, finisco dritti nei vari secchi della raccolta differenziata.

Nel compiere questo gesto probabilmente siamo accompagnati dall’idea che non servano più a niente, ma questo pensiero sarebbe un errore madornale. Infatti, per la stragrande maggioranza dei contenitori che ha ospitato cibi di ogni genere, la “pensione” nell’immondizia sarebbe ancora prematura. Al contrario, potrebbero continuare a lavorare attivamente e, anzi, trasformarsi in nuovi oggetti, con nuovi usi e dall’alto potere decorativo.

A compiere questo “miracolo” è proprio l’arte del riciclo creativo, spesso con progetti alla porta anche di chi ha meno manualità. Tra i prodotti che più facilmente possiamo riciclare ci sarebbero i barattoli di latta delle conserve. Meno famose, invece, potrebbero essere le vaschette di plastica del gelato ormai finito e proprio loro saranno le protagoniste dell’articolo di oggi.

Mai buttare le vaschette di plastica del gelato perché possiamo riciclarle in 4 idee creative utili per casa e giardino

Una prima idea per ridare vita alla vaschetta del gelato sarebbe trasformarla in un vaso per le nostre piantine. Per farlo, dobbiamo innanzitutto creare dei buchini sul fondo della vaschetta, in modo da creare un drenaggio per l’acqua di innaffiatura.

Realizzarli sarà semplicissimo e basterebbe un trapano oppure un giravite riscaldato dalla fiamma del fornello. Completata quest’operazione, potremmo decorare la vaschetta a piacere, per esempio con degli stencil a forma di fiore e dei colori acrilici. A questo punto possiamo mettere la terra e rinvasare la pianta, senza dimenticarci del sottovaso.

Seconda idea

La vaschetta del gelato, soprattutto quella più rettangolare e di grandi dimensioni, può diventare anche un porta posate.

Per realizzarlo iniziamo suddividendo il coperchio in tre scomparti, usando un taglierino, che ospiteranno forchette, cucchiai e coltelli. Poi, magari sfruttando la tecnica del découpage, decoriamo la vaschetta e completiamo con una pittura adatta e dall’effetto impermeabilizzante.

Terza idea

Sempre a partire da una vaschetta di gelato grande possiamo creare un delizioso cestino, per decorare quei mobili aperti dallo stile scandinavo.

Per questo progetto ci servirà solo il contenitore senza coperchio e la prima cosa da fare è creare un’apertura lungo il lato più corto. Questa, creata con l’aiuto di un taglierino, fungerà da “maniglia” per permetterci di afferrare il cestino ed estrarlo dal mobile.

Completata quest’operazione non ci resta che rivestire l’esterno della vaschetta con della corda intrecciata e l’interno con scampoli di tessuto, da fissare con colla a caldo.

Quarta idea

Infine, una banalissima vaschetta del gelato può diventare un delizioso organizer a scomparti, per la scrivania, i trucchi o i gioielli.

Iniziamo ricavando dal coperchio due o più divisori interni. Poi, dipingiamo tutto con colori acrilici e per completare fissiamo i divisori con della colla a caldo, creando scomparti di varia dimensione.

Allora, ecco perché non dovremmo mai buttare le vaschette di plastica del gelato che con un pizzico di creatività possono diventare nuovi oggetti pratici e meravigliosi.

Lettura consigliata 

Come riciclare vecchi centrini all’uncinetto e merletti della nonna con queste 3 idee creative belle e utili per la casa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te