L’Agenzia delle Entrate lancia l’allarme di una nuova truffa che colpirebbe i possessori di Partita IVA

La pandemia ha fatto registrare un’impennata dei casi di truffa ai danni di tutti i cittadini. Questa volta è l’Agenzia fiscale della Pubblica Amministrazione che comunica ai suoi contribuenti di prestare la massima attenzione ad una email, che molti stanno ricevendo in questi giorni.

Il testo della email incriminata

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Dunque l’Agenzia delle Entrate lancia l’allarme di una nuova truffa, architettata da esperti hacker. Questo periodo di isolamento forzato e l’incentivo del cashback di Stato hanno spinto molte persone ad utilizzare i pagamenti digitali. Questo ha generato però anche un serio aumento di raggiri, come abbiamo già visto parlando di alcune applicazioni che sono state colpite da un virus che svuota i conti in un attimo o del raggiro mentre si prelevano i contanti al bancomat.

Dunque, sebbene l’Ente fiscale stia potenziando i sistemi di sicurezza per salvaguardare i propri contribuenti, è di questi giorni una comunicazione che mette in guardia in particolare i possessori di Partita IVA. Sembra infatti che molti di questi stiano ricevendo una email dall’indirizzo helpdeskenti@agenziariscossione.gov.it, che ha come oggetto “Mancato versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel 4° trimestre 2021”.

L’Agenzia delle Entrate lancia l’allarme di una nuova truffa che colpirebbe i possessori di Partita IVA

Chi ha la Partita IVA, infatti, sa che deve apporre una marca da bollo sulle fatture che emette. Di recente è stata introdotta la possibilità di utilizzare un bollo virtuale che, insieme al sistema di fatturazione elettronica, ha snellito molto le procedure burocratiche.

Dunque, cliccando sul link presente all’interno della email, si lascerà libero accesso all’ingresso di un virus. Che sia il pc, il tablet o il cellulare purtroppo sembra che i normali antivirus non siano in grado al momento di arginare quest’ultimo attacco informatico. Quindi, i malviventi potranno impossessarsi dei dati sensibili celati nei nostri dispositivi informatici ed adoperarli per arrecare danni a noi e perpetrare le truffe.

Se si sospetta di essere stati vittima di un tentativo di frode online, si consiglia di avvertire immediatamente le autorità competenti. E dovremmo segnalare l’accaduto alla Polizia Postale. Inoltre sarebbe utile avvisare anche gli Enti colpiti per poter mettere in atto dei provvedimenti per arginare i danni. Infine, è buona norma cambiare le password di accesso a tutti i portali a cui si è registrati.

In ogni caso, è consigliabile aprire solo le email provenienti da indirizzi ufficiali. E bisognerebbe anche tenersi sempre aggiornati sui nuovi tentativi di frode online per poterli riconoscere ed evitare.

Lettura consigliata

Molti ignorano i rischi che si corrono con il Fisco a tenere fino a 2.000 euro in contanti a casa

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te