L’aceto di mele è diffusissimo in cucina ma pochi ne conoscono i possibili effetti avversi e non solo sulla pressione sanguigna

Sembrerebbe un vero e proprio jolly da avere assolutamente in casa.

Utilizzato per le pulizie più disparate, per la cura della persona, per il bucato, nell’orto e in giardino.

Stiamo parlando proprio dell’aceto di mele che, però, ovviamente, nasce in origine come condimento, risultato della fermentazione del sidro di mele.

Infatti, è ampiamente utilizzato su insalate varie ed eventuali, ma anche come nota di sapore anche per altre pietanze.

Questo non solo in funzione del suo sapore decisamente più delicato rispetto al classico aceto di vino, ma anche per le tante proprietà.

L’aceto di mele è diffusissimo in cucina ma, a fronte dei tanti benefici che sono piuttosto conosciuti, possiede anche delle possibili controindicazioni.

Un vero alleato della salute

Prima di scoprire gli eventuali effetti avversi di questo aceto, ricordiamo anche gli straordinari benefici che lo renderebbero un vero alleato della salute.

Innanzitutto, sembrerebbe essere in grado di stimolare il senso di sazietà e dunque sarebbe amico della linea e di chi conduce, ad esempio, una dieta ipocalorica.

L’aceto di mele è inoltre una fonte di straordinari nutrienti e minerali come magnesio, potassio, calcio, fosforo, ferro e zinco.

Un cocktail che produrrebbe effetti benefici sul sistema cardiovascolare, rafforzando il cuore e stimolando il sistema immunitario.

Aiuterebbe inoltre a mantenere il controllo dei livelli di colesterolo e di zucchero nel sangue (in questo caso grazie alla presenza dell’acido acetico).

Infine, i batteri contenuto in essi favorirebbero il mantenimento di una buona flora batterica intestinale.

Ma per quanto riguarda le controindicazioni?

L’aceto di mele è diffusissimo in cucina ma pochi ne conoscono i possibili effetti avversi e non solo sulla pressione sanguigna

Un eccessivo consumo di aceto di mele sembrerebbe poter essere in grado di danneggiare l’esofago e lo smalto dei denti.

Potrebbe, inoltre, contribuire all’abbassamento dei livelli di potassio ma soprattutto della pressione sanguigna.

Pertanto, ne sarebbe sconsigliata l’assunzione da parte di quanti assumano farmaci ipertensivi.

Sembrerebbe, infine, non essere adatto ai diabetici, in quanto un suo consumo potrebbe interferire sui livelli di glucosio e di insulina nel sangue. In più, potrebbe svolgere involontariamente funzioni “additive” rispetto ai farmaci assunti per il trattamento di tale disturbo.

Insomma, salute e gusto sì, ma sempre con un occhio di riguardo se abbiamo a che fare con certe patologie.

Ricordiamoci di consultare sempre il nostro medico di fiducia per fugare ogni dubbio.

Approfondimento

Molti ignorano che questo gustoso condimento aumenta il senso di sazietà senza rovinare la dieta

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te