Importanti flussi di denaro hanno spinto la Borsa di Milano all’ennesimo rialzo

In Piazza Affari prosegue il trend rialzista iniziato a novembre e adesso si parla di rally di dicembre. Rally che potrebbe essere favorito da un fenomeno in atto sui mercati finanziari.

Oggi importanti flussi di denaro hanno spinto la Borsa di Milano all’ennesimo rialzo. Vediamo cosa è accaduto oggi, grazie all’analisi della giornata dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Importanti flussi di denaro hanno spinto la Borsa di Milano all’ennesimo rialzo

Ennesima seduta al rialzo di Piazza Affari. La Borsa di Milano anche oggi è in testa al gruppo delle Borse europee in quanto a performance. Sembra veramente che Milano inizi ad attirare gli investitori esteri. Lo dimostrerebbe il fatto che da qualche seduta è il migliore listino d’Europa, segnale che i flussi di acquisto qui sono maggiori che altrove.

Oggi l’indice delle blue chip, il Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB), ha chiuso in rialzo di quasi lo 0,9% a 21.622 punti. In Europa il tedesco Dax ha guadagnato lo 0,5%, a Londra il Ftse 100 è salito dello 0,3%, a Parigi il Cac dello 0,5%. L’indice pan europeo Euro Stoxx 50 ha guadagnato lo 0,4%.

Cosa sta spingendo la Borsa italiana? È il rialzo dei titoli finanziari, in particolare dei bancari. Un settore sacrificato da mesi e sui minimi storici, ma che adesso sembra entrato nel mirino degli investitori. Non è un caso che oggi il migliore titolo tra le blue chip sia stato BPER Banca. L’azione ha chiuso la seduta in rialzo del 6% a 1,41 euro.

C’è in atto rotazione degli investimenti

È plausibile pensare che stia iniziando una rotazione degli investimenti. Una rotazione sia sui settori produttivi che a livello geografico. La liquidità fino a fine ottobre ha premiato i titoli tecnologici e la Borsa USA. Adesso, probabilmente, si sta spostando in Europa sui settori più legati al ciclo economico.

Si va a cercare i settori più penalizzati e i listini che più hanno sofferto. Perché? Perché sono quelli che garantiscono un maggiore appeal in termini di salita. E sotto questo aspetto il nostro listino è in pole position.

Ed infatti da qualche seduta tutti i bancari italiani hanno dato segnali di risveglio.  Basta guardare l’indice Ftse banche, sui massimi degli ultimi 8 mesi.

 

Approfondimento

Questa l’analisi multidays e il punto sui mercati internazionali dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

Consigliati per te