Il Miele di tarassaco, come prepararlo in casa

Il Miele di tarassaco, come prepararlo in casa.

Conoscete il tarassaco e le sue proprietà depurative? Se la risposta è no, allora è giunta l’ora di sperimentare il miele di tarassaco e come prepararlo a casa.

Cos’è?

Innanzitutto bisogna dire che il miele di tarassaco non è prodotto dalle nostre amiche api. Viene chiamato “miele” per la sua consistenza, il colore e il sapore, che non si discostano dal dolce prodotto dalle api; inoltre, è sempre un derivato dei fiori, nello specifico quelli gialli del “dente di leone”. Il tarassaco è una pianta erbacea perenne e presenta una grande radice, da cui poi nasce il fiorellino. Le sue foglie, invece, sono dentate e allungate.

Quali sono gli usi del miele di tarassaco

La radice del tarassaco ha proprietà depurative e viene usata in infusi e decotti.

I fiori mantengono l’effetto digestivo e di tonico sull’organismo. In aggiunta hanno proprietà antiossidanti e rafforzano il sistema immunitario, grazie alla presenza dell’ossido nitrico. Quando ne usiamo i fiori, quindi, stimoliamo il corpo a depurarsi e aiutiamo fegato e intestino.

La ricetta

  • 700g di fiori di tarassaco;
  • 400 g di zucchero;
  • 3 limoni biologici dalla buccia edibile.

Sciacquare i fiori (che avrete raccolto in zone lontane da strade o elementi inquinanti). Lavate i limoni e fateli a pezzi mantenendo la buccia. Riponete gli ingredienti in una pentola con ½ litro di acqua. Fare bollire per 5 minuti, spegnere la fiamma e lasciare freddare. Scolate il liquido in un pentolino, togliere i pezzi di limone e raccogliere i petali in un colino. Pressate i petali e buttateli. Mettete il liquido sul fuoco e aggiungere lo zucchero che si scioglierà. Lasciate cuore continuando a girare finché il liquido non avrà la consistenza di uno sciroppo. Conservare in vasetti sterilizzati, con tappo a chiusura ermetica e lontano dalla luce del sole.

Come usarlo

Sciogliete lo sciroppo in tisane calde, magari dopo i pasti. Il miele di tarassaco è poco consigliato per chi soffre di gastrite o ulcere. Oltretutto è meglio considerare se siete allergici ai fiori!

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te