Il colesterolo buono basso e cattivo alto sarebbero dannosi per la salute

Uno dei problemi di salute più diffusi tra la popolazione è quello del colesterolo alto. Uno stile di vita sempre più stressante ed un ricorso sempre maggiore a cibi cosiddetti spazzatura, favoriscono in molti il problema del colesterolo alto. La medicina ci dice che il sovrappeso, l’obesità ed un’alimentazione non sana, oltre al fumo, sarebbero tra le principali cause dell’innalzamento di questo valore. Uno studio ha voluto verificare se alzando il colesterolo buono, si abbassano i rischi di salute per l’uomo provocati dal colesterolo cattivo. I risultati sono abbastanza sorprendenti.

L’eccesso di colesterolo nel sangue potrebbe favorire patologie cardiovascolari. Infatti, alti valori di questa sostanza potrebbe causare l’aterosclerosi che può provocare infarto e ictus. Ma non tutto il colesterolo è negativo per l’organismo. Infatti esistono il colesterolo buono e quello cattivo. Il colesterolo cattivo, LDL, favorisce i depositi di grasso nelle arterie. Invece il colesterolo buono, HDL, favorirebbe la rimozione del colesterolo cattivo dal sangue. Quindi di fatto il colesterolo buono proteggerebbe il cuore contrastando il colesterolo cattivo.

Il colesterolo buono basso e cattivo alto sarebbero dannosi per la salute

Partendo da questo assunto, alcuni studiosi canadesi hanno provato a verificare una ipotesi. Un alto livello di colesterolo buono potrebbe mitigare gli effetti negativi del colesterolo cattivo? Obiettivo dei ricercatori era capire se l’aumento del colesterolo buono nel sangue limitasse i rischi cardiovascolari. Lo studio su oltre 631.000 pazienti con disturbi cardiaci ha dato risultati per certi versi sorprendenti.

La ricerca ha rilevato che alti livelli di colesterolo cattivo, ma anche bassi livelli di colesterolo buono, sono associati comunque a problemi cardiovascolari. Questi problemi potrebbero anche portare alla morte.
Dallo studio emerge chiaramente come un minore livello di colesterolo HDL possa favorire un maggior rischio di patologie legate al cuore. Ma, e questa è la scoperta sorprendente, un basso livello di colesterolo buono potrebbe anche essere tra le cause di tumori.

Quindi sembrerebbe confermarsi l’ipotesi che un più alto livello di colesterolo buono potrebbe frenare gli effetti negativi di quello cattivo. In realtà non è così. Lo studio pubblicato sul Journal of the American College and Cardiology, avrebbe smentito questa ipotesi. La ricerca non ha confermato che un alto livello di colesterolo buono possa abbassare rischio di patologie cardiovascolari. I ricercatori non solo non hanno rilevato questo beneficio ma hanno verificato che alti livelli di colesterolo buono potrebbero essere dannosi per la salute.

Un cibo che a sorpresa contiene eccesso di colesterolo

Da questo studio emerge come il colesterolo buono basso e cattivo alto sono una pessima notizia per l’organismo. Chi vuole tenere sotto controllo il colesterolo cattivo ha un’unica strada. Per mantenere il colesterolo LDL sotto il livello consigliato, occorre condurre uno stile di vita salutare e fare attenzione a ciò che mangia.
A volte però anche il cibo può ingannare ed alimenti apparentemente sani possono far aumentare il colesterolo. Per esempio alcuni frutti di mare a sorpresa contengono alti livelli di LDL. Eppure la medicina consiglia il pesce perché contiene bassi livelli di colesterolo e alti livelli di omega 3, che hanno notevoli benefici per l’organismo.

Lettura consigliata

Abbasserebbe il colesterolo e i trigliceridi e aiuterebbe contro i chili di troppo questo piatto delizioso e velocissimo da preparare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te