Entro il 15 aprile bisogna cambiare le gomme dell’auto e facendo questa domanda si potrebbero risparmiare 200 euro

L’arrivo della primavera segna il momento per ogni automobilista in cui bisogna probabilmente cambiare il treno di pneumatici della propria auto. Un appuntamento imprescindibile dettato dal bisogno di sicurezza e che, però, rischia di essere molto dispendioso.

L’arrivo della stagione estiva impone l’installazione di pneumatici adeguati, che garantiscano una guida differente e più sicura.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Infatti, i sistemi di controllo installati, ormai di serie in ogni autoveicolo, tendono proprio a rendere sempre più sicura la guida. Nel tempo, però, questi sistemi diventano sempre meno efficaci, perché si tende a trascurare proprio il fondamentale aspetto degli pneumatici.

Sono proprio le gomme a dare l’impatto maggiore alla sicurezza del veicolo: senza di esse, circolare sarebbe praticamente impossibile, ancor più farlo tranquillamente. Gli pneumatici servono a donare la massima aderenza possibile alle automobili familiari, che diventano sempre più veloci e potenti, e per non perdere “grip” in condizioni di meteo avverso.

La legge prevede che vadano sostituiti ogni sei mesi, quindi entro il 15 aprile bisogna procedere. Eccezion fatta per coloro che montano delle gomme 4 stagioni. Ci sarebbe tempo ancora per altri 30 giorni, con termine ultimo il 15 maggio. Bisogna quindi procedere.

C’è solo un piccolo problema: le gomme auto di qualità costano, a volte anche oltre il migliaio d’euro. Un costo che non tutte le famiglie, specie di questi tempi, riescono a sostenere. Come fare, dunque?

Entro il 15 aprile bisogna cambiare le gomme dell’auto e facendo questa domanda si potrebbero risparmiare 200 euro

Anzitutto, è bene sapere che tipo di gomme acquistare. Ne esistono principalmente di tre varietà. Quelle invernali hanno una speciale mescola che, unita al loro intaglio, garantisce aderenza perfetta sul bagnato. Non solo: essendo studiate per l’inverno, aderiscono bene anche con temperature basse e quando nevica.

Ci sono, poi, quelle estive, che con un clima mite danno il massimo. Quando, però, la temperatura scende sotto i 7 gradi, si rovinano e si crepano. Esiste anche il cosiddetto modello quattro stagioni, ovvero gomme che vanno bene per tutto l’anno ma che non riescono a dare il massimo delle prestazioni in nessun ambito. Sono sicuramente la soluzione più comoda per chi non vuole cambiare pneumatici ogni sei mesi.

Oggi è possibile richiedere al gommista di applicare il Bonus pneumatici. Il Governo ha previsto di stanziare, in emendamenti del Dl Energia in attesa di approvazione, ben 20 milioni di euro utilizzabili a questo scopo fino al 31 dicembre 2022.

I beneficiari sono i possessori di auto categoria M1, che acquisteranno pneumatici di classe A o B. I migliori sul mercato. Il cliente avrà diritto a 200 euro di sconto direttamente in fattura. Il gommista potrà poi richiedere il rimborso entro 120 giorni.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te