Ecco una  validissima e gustosissima alternativa alla pizza, leggera meno calorica e più digeribile 

La pizza è un piatto tipico della tradizione napoletana diventato famoso in tutto il mondo.

Tonda, sottile e morbida a base di acqua, farina e lievito, con un cornicione alto e morbido.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Capita spesso però di avvertire dopo aver mangiato una pizza sensazione di gonfiore, pesantezza di stomaco e la sete che costringe a bere tantissima acqua nelle ore immediatamente successive.

Per ovviare a questo problema, senza dover necessariamente rinunciare a mangiare qualcosa di altrettanto saporito, una possibile variante è la pinsa romana.

Il suo nome deriva dal termine pinsere che significa schiacciare, allungare, per questo quello che la caratterizza è la sua forma allungata.

Gli ingredienti utilizzati per l’impasto sono un mix di frumento, farina di riso e soia, tantissima acqua e  quantità ridotte di lievito, il tutto in una lievitazione di 24/48 ore.

A differenza della pizza, la pinsa ha una forma ovale allungata, soffice al centro con bordi friabili e croccanti, la sua leggerezza deriva da lunghi tempi di lievitazione e dall’alta quantità di acqua.

Ecco una validissima e gustosissima alternativa alla pizza, leggera più digeribile e meno calorica, vediamo gli ingredienti

Ingredienti

a) 800g di farina di frumento;

b) 50g di farina di riso;

c) 50di farina di soia;

e) 700g di acqua molto fredda;

f) 1/2 bustina di lievito in polvere;

g) 15g olio evo;

h) 15g  sale.

Procedimento

Versare il lievito secco in una ciotola e aggiungere le farine e mescolare. Versare 80% dell’acqua fredda, lavorare bene.

L’impasto diventerà liscio, aprirlo in più parti e versare il sale, l’olio e la restante acqua. Incorporare bene tutti gli ingredienti, lavorandolo per un po’.

Porre  il panetto in un contenitore, fare dei tagli in superficie, ricoprire con pellicola e far riposare in frigorifero per 24 ore.

Trascorso il tempo necessario fare le pinse, formando dei piccoli panetti che dovranno lievitare per 3 ore, ben coperti.

Prendere i panetti lievitati stenderli su una teglia unta e dare la forma allungata.

Cuocere in forno caldo a 200 gradi per 20 minuti.

La pinsa va condita a fine cottura, si può gustare nei modi più diversi, semplicemente con olio e sale, fino a tutte le varianti come la pizza.

Ecco una validissima e gustosissima alternativa alla pizza, leggera più digeribile e meno calorica, potete dare libero sfogo alla vostra fantasia.

Consigliati per te