Ecco quando dovremmo smettere di acquistare questo tipo di pasta per la salute e la linea

La pasta è alla base di tanti piatti della tradizione, perché nella sua semplicità riesce a valorizzare un gran numero di ingredienti. Allo stesso tempo, la pasta che mangiamo comunemente non è fra gli alimenti più dietetici in circolazione. Per questo, in molti stanno cominciando a optare per la pasta integrale o preferiscono consumarla più raramente. In linea di massima, quest’ultimo punto supporta il concetto di una dieta equilibrata, dove è meglio evitare gli eccessi. Ci sono, però, anche altri elementi che potremmo considerare nella scelta della pasta.

Ad esempio, non esiste certo solo la pasta essiccata, anzi, questa è una scoperta relativamente recente. Infatti, prima si ricorreva spesso alla pasta fresca, di cui oggi sembriamo ricordarci solo quando è ripiena. Eppure, offre una consistenza diversa, che potremmo preferire a quella della pasta secca. Poi, se la acquistiamo in pastificio, potremmo anche trovarla più conveniente. Allo stesso tempo, non è tutto oro quel che luccica.

Ecco quando dovremmo smettere di acquistare questo tipo di pasta per la salute e la linea

Quando si tratta di scegliere la pasta giusta è tutta questione di abitudini e priorità. Se, ad esempio, per noi è importante essere in linea, la pasta fresca apporta qualche caloria in meno. Infatti, per 100 grammi di pasta fresca riceviamo circa 270 calorie, mentre a parità di peso la pasta secca ne apporta 350. Il problema è che quando cuociamo la pasta fresca questa passa da 100 a 215 grammi, mentre la pasta secca arriva a 165 grammi. Questo, però, è facilmente risolvibile, modificando la quantità di pasta in partenza.

Consideriamo anche che, se la pasta fresca è all’uovo, porterà un numero leggermente maggiore di calorie. Infatti, aumenta la quantità di grassi e proteine. Quindi, scegliendo le quantità e la tipologia giusta, potremmo essere in grado di risparmiare qualche caloria optando per la pasta fresca. In questi casi dovremmo, però, fare attenzione a un altro fattore che potrebbe incidere sulla salute.

La pasta fresca, in quanto tale, deve essere conservata con più attenzione rispetto a quella secca. Mentre dobbiamo proteggere quest’ultima quasi unicamente dalle tarme, la pasta fresca è un prodotto pastorizzato. Ciò vuol dire che dovremmo conservarlo nel punto del frigo con la temperatura più bassa, intorno ai 3 gradi. Inoltre, non possiamo mangiarla dopo 3 giorni dalla produzione, a meno che non si tratti di pasta fresca confezionata. In quel caso, infatti, sarà l’etichetta a dirci il limite di consumo.

Tutto ciò dipende dall’umidità contenuta nella pasta fresca, terreno fertile per microorganismi e batteri, mentre nella pasta secca non è presente. Se non pensiamo di consumare la pasta fresca con frequenza, ecco quando dovremmo smettere di acquistarla.

Lettura consigliata

Attenzione alla glicemia perché potrebbe avere un legame con alcuni tumori

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te