Ecco come dovremmo cucinare le uova per renderle più digeribili secondo gli esperti e quando evitare di mangiarle

Spesso sentiamo parlare della famosissima dieta Mediterranea e dell’importanza che svolge per il benessere del nostro organismo. Ci riferiamo ad un modello nutrizionale formato da alimenti che dovrebbero essere consumati quotidianamente o con cadenza settimanale. Cibi sani e salutari che avrebbero il compito di ridurre l’incidenza di malattie e limitare i disturbi alimentari.

Parliamo di uno stile di vita che ci permetterebbe di rimanere in salute, consumando prevalentemente prodotti di origine vegetale come frutta, verdura, cereali, legumi, ecc.

Le opinioni contrastanti

Non mancano però anche gli alimenti di origine animale, da consumare moderatamente, come latticini, carne e pesce.

Un alimento, in particolare, ha sempre diviso l’opinione degli esperti. Parliamo delle uova, da molti considerato il cibo più nutriente, da altri valutato come un prodotto che contiene un alto grado di colesterolo.

Le uova, infatti, sono un alimento molto versatile e spesso presente sulle nostre tavole. Possono essere cucinate in tantissimi modi e sono spesso molto importanti nella preparazione dei dolci. Infatti, il loro compito è quello di legare a far lievitare gli impasti.

Dal punto di vista nutrizionale, le uova sarebbero una fonte importante di proteine di alta qualità. Inoltre, non dimentichiamo le vitamine e i minerali utili per i muscoli.

Ecco come dovremmo cucinare le uova per renderle più digeribili secondo gli esperti e quando evitare di mangiarle

Abbiamo visto come le uova siano una fonte di preziosi nutrienti. Ma facciamo attenzione alla preparazione. Infatti, la loro digeribilità potrebbe dipendere dal metodo di cottura, che ne condiziona il tempo di permanenza nello stomaco.

Quindi, secondo gli esperti, la preparazione migliore sarebbe quella che prevede l’immersione dell’uovo in acqua bollente per 3 o 5 minuti. L’uovo può essere cotto con il guscio (alla coque) o senza (in camicia o affogato). Questo alimento cotto per 3 minuti impiega 105 minuti per uscire poi dallo stomaco, mentre quello cotto per 5 minuti necessita di 125 minuti.

Se, invece, vogliamo utilizzare dei condimenti, un buon metodo di preparazione potrebbe essere quello delle uova al tegame. Ma facciamo attenzione a non cuocere troppo il tuorlo.

Quindi, ecco come dovremmo cucinare le uova per digerirle meglio.

Naturalmente consigliamo sempre di utilizzare delle uova fresche, conservarle in maniera ottimale e di procedere alla pulizia del guscio prima di romperlo.

Chi non dovrebbe mangiare le uova

Sappiamo, quindi, che le uova sono un’ottima fonte di proteine. Ma facciamo attenzione, perché potrebbero contenere dosi elevate di colesterolo, soprattutto nei tuorli.

Infatti, chi soffre di malattie cardiocircolatorie e i soggetti ipertesi, dovrebbero limitare il consumo di questo alimento. Inoltre, le uova non sono indicate per chi soffre di calcoli biliari.

Il nostro consiglio è sempre quello di rivolgersi al medico di fiducia.

Lettura consigliata

Ecco cosa dovremmo bere al mattino o durante i pasti per depurare il fegato e facilitare l’assorbimento del ferro

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te