Ecco 3 furbe idee di investimento al 3% di rendimento per far fruttare con successo i soldi del conto corrente

Mettiamo subito in chiaro un punto: non esiste rendimento senza rischio, anzi le due cose vanno a braccetto.

Fatta questa doverosa premessa, ecco 3 furbe idee di investimento al 3% di rendimento per far fruttare con successo i soldi del conto corrente.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Esistono investimenti al 3% “sicuri”?

Cosa vuol dire “investimenti sicuri”, capitale restituito al 100% al termine dell’investimento o certezza del 3% di rendimento al lordo o al netto?

Spesso il riferimento del risparmiatore è ad entrambi i presupposti. Cioè capitale integralmente restituito a scadenza e maggiorato del 3% di rendimento al netto di tasse e commissioni.

Vista in questi termini, vuol dire che in partenza occorre cercare uno strumento che offra intorno al 4,00% lordo circa, inflazione a parte. Fatte queste premesse, quali investimenti sicuri al 3% netto esistono e tra cui poter scegliere?

Prime idee d’investimento

Volendo anzitutto considerare il 3% lordo, vi è sul mercato un conto deposito che arriva a offrire fino al 3% di tasso lordo annuo. Tuttavia, il rendimento è limitato solo all’8° e ultimo semestre di vita del prodotto. Quindi quel tasso nominale annuo lordo è applicato in realtà solo a 1 semestre sugli 8 disponibili (qui i dettagli al riguardo). Morale, siamo assai distanti dal 3% lordo annuo.

Un’altra strada rimanda ai BTP con cedola lorda pari almeno al 3%. Tuttavia, qui il rendimento è quasi sempre sistematicamente ben al di sotto del 2%.

Qui la bravura del risparmiatore deve essere quella di individuare un perfetto punto d’ingresso e uscita dal bond. Ciò minimizzerebbe il rischio di perdita in conto capitale, dando modo di incassare qualche ricca cedola nel frattempo. Ovviamente il titolo non sarebbe portato a scadenza.

L’operazione è tuttavia tutt’altro che semplice e priva di rischio. Pertanto è adatta solo a chi è esperto di finanza e mastica di tecnica operativa, oltre ad avere notevole propensione al rischio.

Andiamo oltre: ecco 3 furbe idee di investimento al 3% di rendimento per far fruttare con successo i soldi del conto corrente

Infine, una terza opzione di investimento passa per l’abbandono definitivo del concetto tradizionale di “sicuro” per interpretarlo in maniera più elastico. Si aprirà davanti a noi un mondo di occasioni a cui non avevamo mai pensato prima.

Il riferimento è ai mercati azionari, possibilmente del tipo mondiale perché godrebbero del maggior grado di diversificazione geografica.

Spieghiamolo con un semplice esempio, prendendo a riferimento il principale indice nazionale. Il 2 gennaio 2020 il FTSE MIB ha aperto le contrattazioni a 23.606 punti, mentre venerdì 21 maggio ha chiuso a 24.975 punti.

Ossia ha maturato un +5,79% in 1 anno e 5 mesi scarsi, e “per fortuna” c’è stato il pesante tracollo delle Borse nella primavera 2020. Infatti se considerassimo il 2 gennaio 2017 (19.207 punti) o il 2 gennaio 2011 (15.095 punti) come punti di partenza, il rialzo sarebbe ancora più marcato.

Pertanto, ecco 3 furbe idee di investimento al 3% di rendimento per far fruttare con successo i soldi del conto corrente.

Tre regole d’oro per alzare la probabilità del 3%

Certo, simili approcci chiedono di fondo una certa propensione al rischio e adeguati orizzonti temporali. Cioè almeno 6-7 anni di tempo, o anche di più per aumentare notevolmente le percentuali di successo.

Tuttavia, spesso (ma non sempre) l’attesa è ripagata con gli interessi. Secondo autorevoli studi la crescita media annua dei mercati azionari mondiali negli ultimi 70 anni è stata pari al 7%. Nessuno ci dice che anche da qui al 2091 (i prossimi 70 anni) il tasso di crescita delle Borse mondiali seguirà simili trend. Ma anche ipotizzandoli pari alla metà, cioè il 3,5%, l’obiettivo di partenza sarebbe comunque raggiunto.

L’ETF che esponiamo in questo link dimostra la bontà delle nostre affermazioni.

Più in generale, simili approcci vanno studiati e non si improvvisano dall’oggi al domani: il portafoglio del piccolo risparmiatore dovrebbe rispettare sempre tre semplici regole. Ossia diversificazione dei prodotti scelti, prudenza nell’assumersi rischi e progettare a lungo periodo.

Ricapitolando, ecco 3 furbe idee di investimento al 3% di rendimento per far fruttare con successo i soldi del conto corrente.

Consigliati per te