Ecco 10 modi per mettere da parte 1.000 euro in 100 giorni per una vacanza al mare da mille e una notte

Tra 100 giorni esatti saremo al 30 luglio, mentre tra 116 giorni sarà Ferragosto. Detta diversamente, tra 3 mesi saremo nel cuore dell’estate 2022, cioè mare, sole e divertimento a gogò.

Mentre in tanti iniziano a vedere quali mete scegliere e quali posti andare a visitare, c’è chi si chiede come accumulare i soldi necessari. Al riguardo, ecco 10 modi per mettere da parte 1.000 euro in 100 giorni in vista della bella stagione.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

I metodi più rigorosi per mettere da parte 1.000 euro

Si potrebbe decidere di mettere da parte 250 euro per i prossimi 4 mesi (maggio, giugno, luglio e agosto) al momento stesso dell’accredito stipendio. Inoltre per riuscire nell’intento è consigliato depositare i soldi della vacanza in un conto diverso da quello dell’accredito stipendio. Il conto separato non dovrebbe avere carta di credito per non prelevare neanche 1 euro fino all’obiettivo.

Una seconda strategia è quella di mettere in pratica questa regola di gestione dello stipendio. In questo caso va individuata quale percentuale delle entrate mensili (e moltiplicata per 4) riesce a garantire 1.000 euro a termine.

Ecco 10 modi per mettere da parte 1.000 euro in 100 giorni per una vacanza al mare da mille e una notte

Si presenta invece molto più folto il novero delle rinunce quotidiane che nel complesso aiutano ad accumulare mille euro in 100 giorni. Si tratta di un tempo pari a circa 14-15 settimane, per cui basta risparmiare all’incirca 69 euro ogni 7 giorni.

Un primo modo è quello di mettere 10 euro fissi al giorno in un salvadanaio per i prossimi 100. Una seconda strategia è quella di tagliare di 69 euro settimanali le spese variabili (abbonamenti, palestra, vestiario, consumi domestici, etc).

In alternativa si può procedere con le “combinazioni di rinunce settimanali”. Ad esempio potrebbe bastare rinunciare a un pranzo o una cena in due e di cui stimiamo in 70 euro la spesa media. Oppure si potrebbe tagliare ogni settimana di 15 euro la spesa per il carburante, più la partitella con gli amici (altri 12 euro) e gli aperitivi, i caffè e le colazioni al bar (stimiamo altri 40 euro).

Un’altra opzione è quella di tagliare la spesa settimanale dei giochi vari legati alla fortuna e di aggiungere in contante l’eventuale complemento a 69 euro.

Sulla stessa falsariga andrebbero tagliati gli hobby a cui si è maggiormente legati. Poi assicurarsi che al termine della settimana la somma sia pari a 69 euro, altrimenti integrarla con il contante necessario.

Un secondo lavoro per integrare le entrate

Infine abbiamo il novero dei secondi lavori (questo è perfetto d’estate) che ci consentono di aggiungere entrate senza intaccare l’attuale stile di vita.

Un lavoro possibile (per chi ne ha dimestichezza e/o conoscenza) è quello del cameriere part-time. Immaginando di guadagnare 50 euro a turno tra mance e lavoro, basterebbero 20 turni (quasi 1,4 turni a settimana) per centrare l’obiettivo.

In alternativa si potrebbe pensare al lavoro come baby-sitter, in genere nei weekend e/o la sera. Valgono più o meno le stesse considerazioni di cui sopra.

Nelle grandi città un’altra opportunità part-time è quella del delivery, adatto a chi ne ha possibilità e dimestichezza.

In chiusura, come si evince i fronti su cui agire sono molteplici e variegati. Non esiste un solo sentiero o una sola strategia, ma tante quante se ne possono realmente mettere in pratica. L’importante è non fantasticare, sognare o agire con i “se” e i “ma”: il rischio è quello di restare a casa anche nell’estate 2022.

Approfondimento

Ecco 7 lavori senza laurea richiestissimi nel 2022 e pagati anche fino a 4.000 euro

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te