È questa la semplicissima ricetta per preparare da zero il salmone affumicato a casa nostra

Un piatto prelibato e amatissimo per preparare ricette irresistibili è il salmone affumicato. Questo prodotto tipico delle regioni del Nord in cui vive il salmone è una materia prima pregiata che ha costi elevati.

Si tratta di un prodotto dal gusto unico e inimitabile che ha molte proprietà e ci permette di conservare a lungo e di farci assumere molti nutrienti del pesce.

In pochi lo sanno ma è possibile preparare a casa nostra a costo zero un trancio di salmone affumicato. Ecco la semplice ricetta per preparare da zero il salmone affumicato a casa nostra.

Come affumicare il pesce nella nostra cucina

Per iniziare la nostra preparazione abbiamo bisogno di un bel filetto di salmone fresco abbattuto per evitare rischi per la salute. Possiamo rimuovere le spine con una pinzetta e rimuovere gli strati di grasso. Ora riempiamo una ciotola con una parte di sale e una di zucchero e delle erbe aromatiche come il timo o l’aneto. Mettiamo il nostro filetto a marinare per un paio di ore nel frigo.

Trascorso il tempo, possiamo rimuovere la marinatura in eccesso e mettere il filetto in un contenitore forato da posizionare sopra a un altro. Nel contenitore inferiore posizioniamo dei trucioli di ciliegio o di quercia. Facendo molta attenzione, diamo fuoco ai trucioli in modo da creare il fumo e poi posizioniamo il recipiente forato e sigilliamo con della carta stagnola. Ora dovremo lasciare che l’affumicatura abbia luogo per due orette nel forno spento e chiuso. È molto importante usare legni non trattati o verniciati per evitare inalazioni tossiche.*

Passato il tempo, il nostro salmone avrà subito l’affumicatura e avrà assorbito un sapore balsamico del legno che renderà il nostro pesce davvero gustoso.

È questa la semplicissima ricetta per preparare da zero il salmone affumicato a casa nostra

Ora possiamo conservare il filetto in frigo anche per una settimana e usarlo per le nostre ricette senza doverlo cuocere.  Possiamo servirlo tagliato a fettine e condito con limone e olio oppure su delle tartine di pane integrale per i nostri aperitivi. Ma anche potremo usarlo per condire la nostra pasta, per preparare dei sughi nutrienti e gustosissimi, oppure a pezzetti fatto saltare in padelle con un filo d’olio e del pepe per una pasta semplice ma irresistibile.

*Si raccomanda di fare molta attenzione, il procedimento indicato potrebbe provocare ustioni o a bruciature dell’ambiente circostante.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te