Cosa mangiare con la gastrite cronica e acuta e i cibi da evitare

gastrite

I disturbi allo stomaco sono sempre di più problemi molto comuni. Forse per le cattive abitudini di vita o tante altre cause. Ovviamente non bisogna disperarsi, perché ci possono essere tante cure a riguardo sia naturali che non. È proprio il caso oggi di parlare di gastrite. La sentiamo tanto nominare ma non tutti si sono soffermati sulle cause ma soprattutto i rimedi.

Cause e sintomi della gastrite

Possiamo avere due tipi di gastrite, quella acuta e quella cronica. I sintomi della gastrite acuta saranno percepiti come dolori molto più intensi. Solitamente sono sintomi transitori, dunque passa dopo poco tempo. Anche se in quel lasso di tempo i dolori possono essere veramente forti. Questa solitamente può essere causata da una mal nutrizione, dunque lo stomaco poi ne risente. Per quanto riguarda invece la gastrite cronica, come dice il nome stesso va a persistere per più tempo. I sintomi saranno più lievi e non intensi come nell’acuta. Bisogna però considerare che nella gastrite cronica difficilmente i sintomi vanno a diminuire. Solitamente può essere causata dalla contrazione di alcune infezioni.

Cosa mangiare con la gastrite cronica e acuta e i cibi da evitare

Abbiamo conosciuto le differenze sostanziali, ma soprattutto i sintomi. Essere a conoscenza di quest’ultimi è importante in modo da poterla individuare in tempo. Così facendo potremmo bloccarla e non arrivare a stare veramente male. L’alimentazione in questo caso potrebbe dare una mano a stare meglio. Proprio per tale motivo ci sono alcuni alimenti consigliati per chi soffre di gastrite, in modo da non appesantirsi e non sentirsi peggio.

Lista di cibi consigliati

Sono, per fortuna, diversi i cibi che possono essere consumati. Vanno benissimo tutte le verdure a foglia che sono ricchi di fibre. Un piccolo esempio possono essere gli spinaci o la bietola. Andando avanti possiamo anche nominare:

  • finocchi, carciofi, sedano e carote;
  • frutti rossi, mirtilli che rallentano la crescita di batteri responsabili della gastrite;
  • legumi come lenticchie e fagioli;
  • banane e frutti che non siano acidi;
  • riso integrale, pasta e diversi cereali;
  • confetture;
  • fette biscottate, crackers o comunque roba secca;
  • formaggi magri.

Si raccomanda, nei casi di gastrite, di bere latte parzialmente scremato anziché quello intero.

Cibi sconsigliati

Quello che non andremo a mangiare sono tutti i cibi che presentano una grande quantità di zuccheri e grassi. Riduciamo dunque gli insaccati, il burro. Il fritto non dovrà essere assolutamente mangiato nei giorni in qui soffriamo di gastrite, specialmente se quella cronica. Vanno evitati alimenti acidi come il pomodoro o i peperoni. Anche la frutta come ad esempio i mandarini. Ovviamente vanno ridotte notevolmente le bevande gassate, alcol, the e caffè. Importante è bere tanta acqua per rimanere sempre idratati. Tra le tante cose si consiglia anche di fare pasti leggeri. Anche se si mangia qualche volta in più durante il giorno, l’importante è mantenersi leggeri e non abbondare con le quantità. Anche le sigarette dovranno essere ridotte, perché possono accentuare i sintomi della gastrite. Ecco cosa mangiare con la gastrite, in modo da non peggiorare la sintomatologia e sentirsi anche bene con se stessi.

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te