Cosa indossare per una festa anni Cinquanta per essere eleganti e a tema

anni cinquanta

Spesso capita di essere invitati a qualche cena o serata a tema, magari dove viene chiesto di vestirsi seguendo un certo dress code. Queste sono le occasioni migliori per rispolverare qualche bel capo d’abbigliamento d’epoca dall’armadio delle nonne. Molte ragazze infatti spesso, quando ricevono inviti simili, non sanno cosa indossare per una festa anni Cinquanta. In effetti il guardaroba è cambiato parecchio dai tempi del secondo dopoguerra, e potrebbe succedere che non si sappia minimamente quale fosse lo stile, oppure che non si possiedano abiti adeguati. Come si può fare per rimediare, soprattutto per le ragazze?

Come avere un look anni Cinquanta?

Gli uomini effettivamente hanno vita facile. Basta guardare ai modelli intramontabili: Grease ed Happy Days. Quindi o si sceglie la moda uomo classica o quella sportiva, più rockabilly. Nel primo caso, con l’abito non si sbaglia mai. Si possono scegliere vari livelli di eleganza e di formalità, ma basta un due o tre pezzi, un soprabito abbinato e i fondamentali capelli brillantinati per fare la propria figura. Altrimenti, blue jeans, T-shirt bianca o camicia e l’immancabile chiodo di pelle nera, come il mitico Fonzie, o Danny Zuko. Nessun problema, dunque, per i maschietti.

Le donne potrebbero invece avere qualche perplessità aggiuntiva. Come vestire, magari riutilizzando le cose che già sono nell’armadio, magari in quello della nonna? Ci sono sicuramente alcune idee simpatiche che possono davvero salvare la vita in caso d’inviti all’ultimo minuto. Oppure si può fare scorta per il futuro e avere in armadio un paio di outfit utili. In entrambi i casi, ecco qualche idea carina.

Cosa indossare per una festa anni Cinquanta usando i vestiti nell’armadio

Anzitutto un grande classico: il modello pin-up. Tutti hanno in mente l’immagine delle donne dei manifesti anni Cinquanta, con i jeans a vita alta e i capelli ben acconciati. Bene, si dà proprio il caso che i modelli skinny a vita alta siano tornati di moda in questo periodo, quindi è molto facile averne un paio nell’armadio. Gli abbinamenti con pochi accessori faranno il resto. Ai piedi un paio di décolleté di vernice rossa, magari, e a racchiudere l’acconciatura una bella fascia tra i capelli. Fondamentali i capelli: il victory roll, ovvero quei classici boccoli raccolti come si portavano nei Fifties. Sarà impossibile non fare bella figura curando questi dettagli. Indosso una camicia a quadri legata in vita, sopra ad un bel body per dar forma al fisico. Rossetto rosso ed eyeliner marcato. Et voilà!

Dal modello Sandy a quello Jessica Rabbit

Altrimenti, c’è l’alternativa più spiritosa. La moda femminile anni Cinquanta più conosciuta è sicuramente quella che vede le ampie gonne a pieghe piene di pois abbinate a delle T-shirts o a delle camicie da infilare nella cintura. Ai piedi delle comode sneakers bianche o Converse. Il calzino può essere a vista sulla gamba nuda. Tutti conoscono Sandy di Grease, no? Se poi ci si sente troppo ragazzine, si può guardare al modello Jessica Rabbit: la femme fatale. Un appellativo ormai entrato nel lessico comune per indicare una donna elegante, sensuale, ma anche con un velo di pericolosità. In questo caso, l’abito lungo avvitato sarà il migliore amico di qualsiasi ragazza. Un paio di guanti lunghi, trucco smokey eyes e magari qualche accessorio di classe come il classico bocchino lungo per le sigarette. Nessuno potrà resistere!

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te