Contro scottature e pelle secca potremmo usare questo olio veloce e semplice da fare in casa grazie ad ingredienti economici

Ci sono molte piante che ci portano benefici. I rimedi naturali sono sempre più popolari e ci aiutano a mantenere uno stile di vita più sostenibile. Inoltre, ci permettono anche di risparmiare parecchio. Questo perché molte erbe e fiori sono facilissimi da coltivare in casa, soprattutto durante l’estate. Tra le piante estive con più benefici troviamo l’iperico, chiamata anche erba di San Giovanni.
Non solo è facile da coltivare, ma è possibile trovarla anche allo stato selvatico. Dai fiori di questa pianta si può ricavare un olio di colore rosso. Questo olio è un rimedio naturale contro scottature e pelle secca, ma ha anche altre importanti proprietà.

Tutti i benefici dell’iperico

L’olio di iperico viene utilizzato in modo particolare per i disturbi della pelle. Può essere usato anche in caso di ustioni non gravi e piccole bruciature. Questo olio ha proprietà lenitive e emollienti, che lo rendono adatto anche alla guarigione di piccole ferite e piaghe. Utilizzato esclusivamente per uso esterno, è consigliato evitare di esporsi al sole dopo averlo applicato.

Inoltre l’iperico è particolarmente efficace per alleviare i dolori muscolari e articolari, come il mal di schiena. Questo grazie alle sue caratteristiche antinfiammatorie, che potrebbero essere utili anche contro acne e brufoli.

L’olio di iperico può essere utilizzato nei massaggi per contrastare dolori articolari o per applicazioni locali in caso di problemi della pelle. L’utilizzo su ferite aperte può aiutarne la cicatrizzazione ed evitare che si infettino. Molto efficace anche contro le emorroidi, per le quali viene utilizzato sempre per utilizzo esterno.

Contro scottature e pelle secca potremmo usare questo olio veloce e semplice da fare in casa grazie ad ingredienti economici

Fare quest’olio è molto semplice, perché serviranno davvero pochissimi passaggi. I fiori di iperico si possono trovare in grande quantità nei mesi che vanno da maggio ad agosto. Ci basterà lavarli e asciugarli, in modo da eliminare l’acqua in eccesso. Pesiamoli per comprendere quanto olio verrà fuori, generalmente corrispondente a 5 volte il peso dei fiori.

Prendiamo un contenitore di vetro e aggiungiamo un cucchiaio di sale sul fondo. Mettiamo i nostri fiori, senza gambo all’interno del barattolo e versiamo l’olio d’oliva. Richiudiamo il contenitore e mettiamolo in un luogo asciutto e buio per tre settimane. Passato il tempo, esponiamolo al sole per una settimana. Fin dai primi giorni l’olio cambierà colore e diventerà tendente al rosso.

Durante il mese, dobbiamo sempre agitare il barattolo almeno una volta al giorno. Questo per far sì che l’olio assorba bene le proprietà del fiore. Trascorso l’intero mese, potremmo filtrare l’olio e buttare le rimanenze della pianta.

Lettura Consigliata

Per prevenire il tumore al colon e regolarizzare il metabolismo dovremmo integrare questi batteri presenti in yogurt e verdura

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te