Come si sceglie l’irrigatore automatico per il giardino

I giardinieri professionisti che si occupano di manutenzioni pubbliche e private ce lo dicono sempre. L’irrigazione manuale con l’annaffiatoio o con il tubo e le pistole, è indicata per un giardino di piccole dimensioni o se si ha molto tempo libero.

È una scelta molto impegnativa che offre due vantaggi. Si fa da soli e ci dà la possibilità di monitorare continuamente lo stato di salute delle nostre piante.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

Ma se siamo fuori tutto il giorno per lavorare e abbiamo poco tempo libero e vogliamo trascorrerlo in piscina invece che con una canna in mano, affidiamoci all’irrigatore. Vediamo oggi come non impazzire con tubi, docce, elettrovalvole e centraline. Ecco come si sceglie l’irrigatore automatico per il giardino.

Prima di installare, progettiamo

Progettare, realizzare e far funzionare un impianto del genere spesso richiede il consiglio di un amico più esperto. O la consulenza di un professionista.

Il nostro spazio dovrebbe essere suddiviso in zone come prato, aiuole e siepi perché l’impianto possa funzionare bene. E dobbiamo saper collocare correttamente gli irrigatori, che vanno sistemati lungo il perimetro del giardino. Se si hanno siepi, è indispensabile creare una zona gocciolante e un pozzetto centrale per la zona elettrovalvole.

Come si sceglie l’irrigatore automatico per il giardino

Le elettrovalvole dovrebbero essere collocate una per zona. Vanno collegate alla centralina per programmare tempo e frequenza delle innaffiature.

I vantaggi di questo tipo di irrigazione automatica sono evidenti. Non serve nessun tipo di impegno da parte nostra. E abbiamo la certezza che le nostre piante non resteranno mai all’asciutto quando siamo via per il week end.

È importante disporre la centralina in un luogo asciutto e riparato. Facciamo, ora, una ulteriore, piccola spesa. Un sensore di umidità che bloccherà l’irrigazione quando piove. È ridicolo, oltre che poco etico, veder partire gli irrigatori quando diluvia.

Quando il tablet diventa un telecomando

Ci sono in commercio ottime valvole cordless bluetooth che si controllano automaticamente e senza fili, con un’app. Il telecomando sono il nostro iPad o uno smartphone. Sono perfetti, per bagnare aiuole e siepi, gli irrigatori che si possono interrare e non aspirano terra e radici.

Diamo un’occhiata alle centraline che funzionano anche loro con tecnologia WI FI e ci assicurano programmazioni facili e flessibili. Attenzione, però, ai fili elettrici rivestiti di gomma in giro sul terreno. Non ci si può credere, ma vanno a rosicchiarli i topolini selvatici.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te