Come si dovrebbe sostituire il sale nella dieta per chi ha la pressione alta

Il sale è un valido alleato in cucina per insaporire i cibi, ma è noto a tutti il fatto che non bisogna mai esagerare. Se nella dieta il sale abbonda, direttamente o indirettamente attraverso cibi come gli insaccati, il rischio alla lunga è quello di avere la pressione troppo alta.

E questo perché nel sale c’è il sodio che non è amico del cuore, dei vasi sanguigni ed anche dei reni. Proprio attraverso l’aumento della pressione arteriosa che può poi avere delle complicanze anche gravi. Vediamo allora, specie per chi segue una dieta che è povera di sodio, quali potrebbero essere le alternative al sale per il proprio regime alimentare.

Come si dovrebbe sostituire il sale nella dieta per chi ha la pressione alta

Nel dettaglio, per insaporire i cibi, al posto del sale spesso le spezie sono degli ottimi sostitutivi. A partire dalla curcuma e dallo zenzero, passando per la paprika e per il cardamomo. E lo stesso dicasi per le erbe aromatiche che danno sapore e odore ai cibi senza che sia necessario utilizzare il sale.

Ecco, quindi, come si dovrebbe sostituire il sale. Ma non finisce qui in quanto, in base alle ricette, pure la salsa di soia è un ottimo sostitutivo del sale. E lo stesso dicasi anche aggiungendo nelle pietanze, sempre al posto del sale, l’aglio e la cipolla. Anche se si può preparare anche in casa, infatti, in commercio è possibile acquistare per insaporire i cibi la cipolla in polvere. E lo stesso dicasi pure per l’aglio.

Dieta iposodica, ecco i cibi privi di sale: dai legumi secchi alle carni bianche

Eliminando il sale come alimento per condire i cibi, chi ha la pressione alta è già davvero a metà dell’opera. In quanto poi occorre pure evitare l’eccessivo consumo di cibi che contengono il cloruro di sodio.

In particolare, nel seguire una dieta iposodica non ci sono rischi mangiando la frutta e la verdura di stagione, nonché i legumi secchi ed i cereali come l’orzo e l’avena. E lo stesso dicasi per il riso e per la pasta integrale, e per le carni bianche e magre che non contengono salse aggiunte.

Via libera, per la dieta iposodica, pure al pesce azzurro, alla ricotta fresca, allo yogurt magro ed ai formaggi che non sono stagionati. Mentre per i cibi confezionati chi deve mangiare senza sale, perché ha problemi con la pressione, deve leggere l’etichetta sempre con estrema attenzione.

Lettura consigliata

Come sostituire il sale nei cibi e nell’insalata con 5 prodotti più sani

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te