Come ottenere naturalmente taglieri di plastica come nuovi ed eliminare batteri pericolosi

I taglieri in plastica sono fra gli utensili da cucina più difficili da pulire. Infatti, rimangono molto spesso macchiati. Vi si insidiano inoltre microrganismi dannosi per la salute.

Fortunatamente, esistono alcuni trucchetti che permettono di lavarli al meglio. Ecco come ottenere naturalmente taglieri di plastica come nuovi ed eliminare batteri pericolosi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Attenzione ai batteri

Chi ha cuore la salute della propria famiglia, dovrebbe fare attenzione ai taglieri. Infatti, questi sono spesso il nido di batteri pericolosi per la salute. Lo conferma una guida redatta dalla University of Kansas. In particolare, svariati studi hanno rilevato la presenza di coliformi sui taglieri. Inclusa la famigerata “escherichia coli”.

In particolare, bisogna fare attenzione a non usare lo stesso tagliere per la carne cruda e altri alimenti. E soprattutto, a lavarlo correttamente dopo l’uso. Gli scienziati dell’Università del Kansas hanno rilevato che in troppi si limitano a sciacquare i taglieri con l’acqua fredda.

Ma qual è il miglior modo per igienizzare un tagliere in plastica? Ecco come ottenere naturalmente taglieri di plastica come nuovi ed eliminare batteri pericolosi.

Il miglior trucchetto naturale per lavare i taglieri di plastica

Per lavare i taglieri in plastica, si possono usare prodotti chimici. Il classico sapone per i piatti, ma anche la candeggina per i taglieri bianchi. Non sempre, però, le sostanze chimiche sono le più efficaci. Spesso sui taglieri rimangono macchie di cibo e cattivi odori.

Fortunatamente, esiste un semplice trucchetto naturale per detergere i taglieri. Bastano due prodotti che tutti hanno già in casa: limone e sale grosso.

Innanzitutto, occorre tagliare a metà un limone. Poi, strofinarne energeticamente la polpa sul tagliere. Non solo si otterrà un effetto antibatterico. Si elimineranno anche i cattivi odori. Dopodiché, bisogna spargere del sale grosso sul tagliere, e strofinare con una spugna non abrasiva. Infine, lavare con acqua calda.

In alternativa, si può usare il bicarbonato di sodio al posto del sale grosso. Infine, per eliminare gli odori più persistenti, risciacquare il tutto con aceto bianco di vino.

Approfondimento 

Attenzione ai pericolosi batteri che si annidano in questo oggetto usato tutti i giorni

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te