Ci sono novità per la cura della depressione grazie ad un semplice condimento

La depressione  è un male oscuro che priva le persone di qualsiasi voglia di reagire. Spesso confusa con malavoglia, o addirittura con la pigrizia, questa malattia fa cadere vittime di pregiudizio chi ne è colpito.

Dopo una dura battaglia condotta da pazienti, psicologi e parenti delle vittime di depressione, finalmente questa patologia psicologica è stata riconosciuta come malattia invalidante.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ci sono novità per la cura della depressione grazie ad un semplice condimento

Si tratta di una ricerca universitaria che ha dato i primissimi incoraggianti risultati. La ricerca mette in luce la correlazione fra aceto di mele e cambiamento del metabolismo del triptofano, precursore della serotonina. Essere precursore significa che partendo dal triptofano, con delle reazioni chimiche, il nostro corpo sintetizzerà, produrrà serotonina.

La serotonina, com’è noto, è l’ormone del buonumore e della vitalità.

Non per sminuire la portata della scoperta dei ricercatori dell’Arizona University, ma occorre fare qualche precisazione.

La sperimentazione è durata 4 settimane e ha coinvolto un campione composto da 25 studenti in salute non sofferenti di depressione.

Vediamo però come si è articolato lo studio e cosa ha dimostrato.

Lo studio dell’Arizona University

La professoressa Carol Johnston, che già aveva dimostrato come l’aceto di mele abbassasse i livelli glicemici nel sangue, si è posta il seguente obiettivo. Precisamente si è voluto indagare e registrare gli stati d’animo di 25 studenti universitari sani prima e dopo 4 settimane di assunzione quotidiana di aceto.

La Johnston partiva dal presupposto (dimostrato scientificamente) che mangiare frutta e verdura è inversamente proporzionale a stati d’animo depressivi. Ossia “più” frutta e verdura, “meno” depressione. Questo legame potrebbe spiegarsi con un aumento della fermentazione intestinale poiché si sono rilevati cambiamenti nel metabolismo intestinale del triptofano.

Qui entra in gioco l’aceto di mele! L’aceto di mele è composto principalmente da acido acetico. L’acido acetico è  il maggior prodotto della fermentazione intestinale della fibra data da frutta e verdura.

Quindi ingerire aceto porta ad un cambiamento nel metabolismo del triptpfano. Conseguentemente: più triptofano, più serotonina, meno depressione.

Dopo aver suddiviso i 25 partecipanti in due gruppi, i ricercatori hanno somministrato al primo gruppo 2 cucchiai di aceto, diluiti in acqua, presi due volte al giorno, all’ora dei pasti.

Al secondo gruppo si è somministrato un placebo mentre costoro credevano di assumere una pastiglia di aceto concentrata.

Risultato: in coloro che hanno assunto aceto è stato rilevato un maggior metabolismo del triptofano.

I risultati sono incoraggianti e pertanto occorre avere fiducia incondizionata nella ricerca affinché si trovi una cura per la depressione, di sostegno a quelle attuali.

Ecco, dunque, perché ci sono novità per la cura della depressione grazie ad un semplice condimento e speriamo di poter presto disporre di nuovi dati a supporto di tale  scoperta.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te