Chi soffre di insolita stanchezza e mal di testa ma anche di sonnolenza in questa stagione ecco cosa dovrebbe fare

Finalmente dopo un lungo e freddo inverno, è arrivata la bella stagione e le temperature più calde. Anche il nostro organismo si risveglia dal semi letargo invernale, ma per alcuni questo risveglio può portare malesseri legati al cambiamento della stagione. Questi malesseri possono essere solo dei disturbi passeggeri, oppure possono essere sintomi di problemi più gravi. In questo caso, ecco che in presenza del perdurare di alcuni disturbi questa è la stagione per fare un check up alla salute.

Con l’arrivo della nuova stagione si possono presentare alcuni disturbi tipici di questo periodo, come stanchezza, mal di testa, sonnolenza, difficoltà a concentrarsi. Difficoltà ad abituarsi alle giornate più lunghe e alle temperature più alte potrebbe essere causa di chi soffre di insolita stanchezza ed altri malesseri. Tuttavia se questi disturbi persistono possono essere il sintomo di possibili patologie. La primavera, la stagione della rinascita per eccellenza è quella più indicata per fare alcuni esami per scoprire eventuali patologie ancora non chiaramente manifeste.

Chi soffre di insolita stanchezza e mal di testa ma anche di sonnolenza in questa stagione ecco cosa dovrebbe fare

Gli uomini sotto i 40/45 anni dovrebbero fare una visita cardiologica con elettrocardiogramma a riposo. Chi inizia una nuova attività sportiva per cancellare la ruggine dell’inverno e tornare in forma, dovrebbe anche fare un elettrocardiogramma sotto sforzo. L’esame è consigliato specialmente per chi inizia da zero una nuova attività fisica dopo un lungo periodo di sedentarietà.

La pressione arteriosa è l’altro importante fattore da monitorare dopo i 40 anni. Basta recarsi in farmacia o dal proprio medico per una misura cautelativa. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i valori normali non dovrebbero superare i 130 a riposo come pressione sistolica e gli 85 come pressione diastolica.  Valori persistenti superiori potrebbero essere il segnale di uno stato patologico di ipertensione.

Uomini e donne over 40-45

Gli uomini che hanno oltre 45/50 anni dovrebbero prendere in considerazione una colonscopia oppure un’analisi per la ricerca del sangue occulto nelle feci. Controllo medico molto consigliato specialmente in presenza di precedenti casi familiari di tumore al colon-retto. Inoltre sempre per l’uomo è raccomandato un controllo alla prostata.
Come per l’uomo anche per la donna oltre 40 anni è consigliato fare un elettrocardiogramma sotto sforzo. Sempre per la donna sono consigliate delle ecografie per valutare lo stato di ovaie ed utero. La mammografia rimane un esame fondamentale per prevenire il tumore al seno. Per le donne oltre 50 anni conviene fare questa visita almeno una volta l’anno.

Inoltre, con l’arrivo della menopausa è fondamentale che una donna tenga sotto controllo la salute delle ossa. Per questo specifico rischio è consigliata la MOC, Mineralometria ossea computerizzata.

Attenzione a questi problemi della pelle

Infine sia per gli uomini che per le donne è fondamentale un’autoanalisi dei nei e di possibili macchie cutanee. Il melanoma è una delle forme tumorali più pericolose ma anche tra le più sottovalutate. Gli studi clinici suggeriscono che spesso queste partono da nei già presenti. In genere questo tipo di tumore nell’uomo si manifesta prevalentemente sul tronco mentre nelle donne sulla schiena. In caso di problematiche è ovviamente consigliato rivolgersi a un dermatologo.

Approfondimento

Queste sono le spie di un tumore al cervello e questi i fattori di rischio da evitare assolutamente

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te