Cali di pressione, giramenti di testa, spossatezza sono sintomi che aumentano con il caldo, ecco come prevenirli per evitare svenimenti improvvisi

Con l’arrivo della bella stagione e delle alte temperature avere sintomi come cali di pressione, giramenti di testa e spossatezza è più che comune.

Tuttavia sono sintomi che in un battibaleno possono trasformarsi in sintomatologie più gravi e in un niente si rischia di sentirsi male. Infatti, svenimenti, gambe deboli, vista appannata e capogiri sono parecchio frequenti durante la bella stagione.

In estate o nei posti particolarmente caldi è facile avere dei cali di pressione repentini. Questi balzi di valori possono essere spesso causati da un’eccessiva sudorazione, che sarebbe la causa della diminuzione del volume di sangue in circolo. Un fenomeno che prende il nome di ipovolemia. Ad influire ci sarebbe anche e soprattutto una vasodilatazione dovuta alle alte temperature.

Cali di pressione, giramenti di testa, spossatezza sono sintomi che aumentano con il caldo, ecco come prevenirli per evitare svenimenti improvvisi

Tuttavia gran parte della prevenzione per contrastare cali repentini di pressione può essere fatta a tavola. A tal proposito vediamo qualche consiglio importantissimo.

Il primo consiglio riguarda l’idratazione, l’acqua in questo periodo infatti non deve mai mancare. Non a caso la disidratazione può essere una della prime cause dell’abbassamento della pressione. Dunque per mantenersi idratati è indispensabile introdurre i giusti quantitativi di acqua, ma anche di frutta e verdura ricchi di acqua e sali minerali. Mentre sarebbe assolutamente consigliabile evitare l’introduzione di bevande alcoliche, che favoriscono la disidratazione e alterano i processi di termoregolazione.

Un altro consiglio alquanto inaspettato è quello di aggiungere qualche pizzico di sale in più alle pietanze. Questo perché il sodio in esso presente favorisce un aumento della pressione. Ricordiamo di aggiungerne qualche grammo in più durante tutta la giornata, senza eccedere nelle dosi.

Ancora, possiamo aumentare il numero di caffè durante il giorno, da consumare amari e senza aggiunta di zuccheri. La caffeina infatti aumenterebbe i livelli di pressione.

Liquirizia, potente alleata

Infine possiamo consumare qualche radice di liquirizia priva di zuccheri. La liquirizia infatti contiene una sostanza, la glicirrizina, dalle note proprietà ipertensive. In più dovremmo evitare di fare pasti troppo abbondanti e preferire mini pasti più frequenti. Questo perché un pasto eccessivo affaticherebbe la digestione e può avere come conseguenza un abbassamento della pressione.

Dunque, cali di pressione, giramenti di testa, spossatezza sono sintomi che aumentano con il caldo, ma che con le dovute attenzioni possono essere prevenuti a tavola.

Curiosità salutari

A soffrire di cali pressori spesso sono proprio i soggetti che soffrono di ipertensione e che prendono farmaci antipertensivi.

Lettura consigliata

Ne basterebbe consumare una manciata al giorno per abbassare la pressione alta, ridurre i rischi dell’ipertensione e fare il pieno di omega 3

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te