Attesi aiuti a fondo perduto per partite IVA e lavoratori stagionali e dello spettacolo con il Decreto Sostegno

Secondo le indiscrezioni raccolte dalla Redazione di ProiezionidiBorsa i provvedimenti del nuovo Governo non tarderanno a giungere. In particolare, attesi aiuti a fondo perduto per partite IVA e lavoratori stagionali e dello spettacolo con il Decreto Sostegno.

Non chiamiamolo Decreto Ristori, bensì Decreto Sostegno

L’annunciato ex Decreto Ristori 5 sembra ormai in rampa di lancio. Il suo iter è stato rallentato per via del cambio di Governo di queste settimane. Tuttavia, questo ritardo sembra sarà “ripagato” da interessanti novità.

A partire dal nome. Il nuovo pacchetto di misure prenderà il nome di Decreto Sostegno e sostituirà ufficialmente e per intero la bozza dell’ex Decreto Ristori. Segnerà un punto di discontinuità (di denominazione e operativo) con quanto definito dall’Esecutivo precedente. Per il futuro prossimo non si parla più di ristori alle attività colpite direttamente dalle chiusure dei vari DPCM, o in difficoltà per via della crisi da Covid.

Il nuovo Esecutivo punta, infatti, a sostenere il popolo delle partite IVA a prescindere dal particolare codice ATECO di appartenenza. Finora si era proceduto più per segmentazione dei settori. Ma dopo un anno di difficoltà economiche è molto difficile trovare un settore non colpito dalla crisi.

Ci siamo: attesi aiuti a fondo perduto per partite IVA e lavoratori stagionali e dello spettacolo con il Decreto Sostegno

Per i titolari di partita IVA le novità del nuovo Decreto dovrebbero essere due.

La prima riguarderà appunto la platea dei beneficiari. Non dovrebbero più essere utilizzato il sistema dei codici ATECO, quale discriminante tra gli interessati o meno dai ristori. Ma basterebbe l’essere titolari di partita IVA. In questo modo si toglierà terreno da sotto i piedi anche alle proteste di chi è rimasto escluso fino ad oggi.

La seconda novità riguarderà il metodo di calcolo del ristoro. Per il passato, spesso il criterio era stato quello di guardare al calo del 33% del fatturato, mese su mese. Più precisamente, si prendeva a riferimento il mese di aprile 2019, per calcolare la percentuale di calo del fatturato ad aprile 2020. Per il futuro prossimo, invece, sembra che si guarderà al calo del fatturato sempre del 33%, ma su base annua.

Conto alla rovescia: attesi aiuti a fondo perduto per partite IVA e lavoratori stagionali e dello spettacolo con il Decreto Sostegno

Le misure attese dal Decreto Sostegno riguarderanno anche altre platee di lavoratori. Una di esse quasi certamente coinvolgerà l’estensione della CIG-Covid. Al riguardo si parla di un probabile prolungamento di ulteriori 26 settimane. Oltre alla probabile concessione di un assegno ordinario da utilizzare entro il dicembre 2021.

Previsti anche sostegni per i lavoratori del mondo dello spettacolo e gli stagionali, tra i più colpiti dalla pandemia. Secondo le indiscrezioni raccolte, si parla per loro di un’indennità fino a 3.000 euro.

Infine, dovrebbero giungere aiuti alle attività sciistiche che in sostanza sono rimaste chiuse quest’anno. Al riguardo però mancano dati sui fondi che realmente saranno stanziati a beneficio del settore. Altri sostegni economici, infine, saranno previsti a favore delle attività legate al turismo e della ristorazione.

La Redazione di ProiezionidiBorsa seguirà con attenzione l’evolversi dei lavori parlamentari e ne darà prontamente nota ai suoi Lettori. Dunque, attesi aiuti a fondo perduto per partite IVA e lavoratori stagionali e dello spettacolo con il Decreto Sostegno.

Consigliati per te