blank

Attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul libretto postale

Oggi gli Esperti di ProiezionidiBorsa metteranno a confronto due prodotti che nei loro rendimenti possono arrivare fino all’1,75% lordo circa. Entrambi hanno dei pro e dei contro differenti, che in questa sede passeremo in rassegna.

Dunque, attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul libretto postale.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Il BTP Futura 2037

Il primo dei due strumenti, il BTP Futura 2037, per l’esattezza potrebbe arrivare a rendere anche fino all’1,775% medio lordo annuo. Il riferimento è però solo al cumulo fra cedole medie ponderate unite al doppio premio fedeltà. Tutto dipenderà dall’entità effettiva dei due premi che saranno corrisposti nel 2029 e nel 2037, e a loro volta dipendenti dal futuro PIL.

Nell’articolo di cui qui il link illustriamo nel dettaglio come si calcolano e sommano le varie componenti.

Di base il bond offre comunque un rendimento minimo ponderato dell’1,525% per i suoi prossimi 16 anni di vita (sempre inteso quale cumulo di cedole e premi). Dunque, attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul libretto postale.

Il conto deposito

Il secondo prodotto che esaminiamo è il conto deposito (CD). In questo precedente articolo avevamo già illustrato qual è il miglior CD per il piccolo risparmiatore.

Ora, abbiamo fatto un rapido controllo sulla rete e scovato una neo-banca completamente digitale che arriva a offrire fino all’1,75% lordo.

In pratica sui vincoli fino a 48 e 60 mesi quest’istituto arriva a offrire tanto quanto la neo obbligazione di Stato. Ma con il vantaggio di impiegare un quarto del tempo del BTP e sempre ammesso che il doppio premio fedeltà alla fine corrisposto sia del 6%.

Ancora, l’imposta di bollo è a carico della banca e anche in questo caso vige la garanzia fino a 100mila euro dei depositi.

Prestiamo attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul Libretto postale

A questo punto si tratta di capire quali siano le possibili strategie a disposizione del buon padre di famiglia, tra le tante che offre il mercato. In soldoni, in quali casi considerare maggiormente un prodotto al posto di un altro?

Proviamo a offrire alcuni possibili spinti di riflessione.

Per chi cerca la garanzia di un flusso cedolare spalmato nel tempo, il BTP farebbe al caso. A cadenza semestrale, infatti, garantisce delle entrate periodiche. Certo, quelle relative al 1° quadriennio sono le più basse in assoluto (0,75% lordo annuo). Di contro il CD non distribuisce alcuna cedola per tutto il periodo del deposito.

Se invece il risparmiatore mira tanto o tutto sul rendimento, questo CD surclassa quello del BTP. Cioè i rendimenti netti del 1° quadriennio del neo-bond sono pari a quasi la metà del prodotto concorrente, sempre sui 4 anni.

Al riguardo ricordiamo che CD e titoli di Stato hanno un differente regime di tassazione e pari, rispettivamente, al 26% e al 12,50%.

Andiamo oltre. Per chi invece movimenta cifre oltre i 100mila euro, l’obbligazione con garanzia dello Stato sicuramente toglie le castagne dal fuoco in termini di sicurezza. I CD, infatti, hanno garanzia del capitale versato solo fino a centomila euro di deposito.

Altri due riflessioni: attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul libretto postale

Altro elemento che influenza la scelta rimanda alla nostra maggiore o minore sicurezza circa l’eventuale necessità futura di quei soldi. In parole semplici: siamo sicuri che quei soldi investiti non ci serviranno nel futuro?

Perché nel caso del nostro CD il deposito non è svincolabile. Mentre nel caso del BTP Futura 2037, da martedì 27 aprile sarà liberamente cedibile sul MOT ai futuri prezzi di mercato. Solo il singolo risparmiatore conosce le sue reali esigenze e situazioni personali sia presenti che future.

Infine un quinto e ultimo spunto di riflessione: la diversificazione. Da sempre, infatti, raccomandiamo di non agire mai sulla base dell’all-in, ossia tutti i soldi in un unico prodotto.

Per cui, in linea di principio, potrebbe anche aversi una coesistenza dei due prodotti, perché no? Tutto infatti dipende dalla specifica e precisa pianificazione finanziaria del singolo risparmiatore.

Ricapitolando, attenzione a queste 2 mosse intelligenti per guadagnare fino all’1,75% con i soldi depositati sul conto corrente o sul libretto postale.

Consigliati per te