Altro che abbronzatura dorata e veloce, quest’olio e questo succo non sono adatti per la pelle esposta al sole

Siamo entrati ufficialmente nella stagione estiva. Si ha tanta voglia di andare al mare per divertirsi e per rilassarsi. Si approfitta anche di stendersi al sole, per prendere un po’ di tintarella. Certo, a volte ci sono le zanzare che non ci lasciano tranquilli nemmeno sotto l’ombrellone. Poi c’è il caldo che toglie un po’ la voglia di muoversi. Un tuffo nelle acqua marine, allora, potrebbe consolarci.

Se fossimo in casa, oppure per strada, come trovare un refrigerio? Ebbene, la soluzione potrebbe essere un piccolo spruzzo di profumo. Soprattutto se a base di note fresche come la lavanda, ci darebbe una piccola marcia in più. Inoltre, l’odore della lavanda ci aiuterebbe a tener lontane le fastidiose zanzare. Di profumi a base di lavanda ce ne sono diversi, adatti sia agli uomini che alle donne.

Una volta raggiunta la spiaggia, ci si sdraia al sole sperando di abbronzarsi presto. Lo si fa direttamente sulla sedia a sdraio, oppure su un asciugamano allungata sulla sabbia. Per alcuni, però, prima di sdraiarsi hanno un piccolo rituale da svolgere: spalmarsi l’abbronzante.

A tal proposito, ricordiamo che sarebbe opportuno scegliere una crema solare provvista di filtri di protezione contro i raggi UV. Sono proprio questi che potrebbero causare dei danni alla pelle. Soprattutto poi nei pressi del mare, questi aumentano di intensità.

Altro che abbronzatura dorata e veloce, quest’olio e questo succo non sono adatti per la pelle esposta al sole

Non sono poche le persone che preferiscono abbronzarsi accanto al bagnasciuga. In questo caso bisogna provvedere ad una crema solare con un buon grado di protezione. Infatti è facile cadere vittima di irritazione della pelle o eritemi solari dovuti ad un’esposizione solare eccessiva. Allora altro che abbronzatura dorata e veloce, così facendo si rischiano delle scottature.

Se prendiamo il sole e per l’abbronzatura ci affidiamo al nostro fai da te, i risultati potrebbero deludere. A volte sui social si ascoltano rimedi che dovrebbero essere miracolosi, ma che invece non lo sono. Uno dei consigli che si possono incontrare è quello di utilizzare l’olio di oliva e il succo di limone per abbronzarsi.

Si tratterebbe di mischiare i due prodotti, per avere dei risultati stupefacenti come abbronzatura. Sembrerebbe quasi un vecchio rimedio delle nonne, da spalmare sulla pelle. Invece, gli esperti fanno notare che l’olio di oliva è un olio non protetto. Non solo, ma faciliterebbe la penetrazione dei raggi UV. Il succo di limone invece è una sostanza fotosensibilizzante. Esporrebbe, perciò, maggiormente la pelle all’azione dei raggi solari.

Avremmo così un effetto abbronzante più veloce, ma con rischi per la pelle. Sarebbe più indifesa contro gli aggressivi raggi UV e più esposta a scottature ed eritemi. Meglio sarebbe usare le classiche creme solari protette contro l’azione dei raggi UV. Non solo proteggono, ma nutrono anche la pelle.

Lettura consigliata

3 gesti da evitare per avere la pelle del viso sana e vellutata senza spendere tanti soldi

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te