blank

Alcuni consigli per curare il coronavirus a casa senza farsi prendere dal panico

Davanti alla crisi pandemica che sta tenendo in ostaggio il mondo le persone tendono a dividersi tra chi grida al complotto e chi ne è terrorizzato.

Può accadere però, sempre più frequentemente, di risultare positivi o di venire a contatto con qualcuno positivo.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

La prima reazione è paura e isolamento.

Ma come ci si deve comportare ne caso in cui si manifestino dei sintomi sospetti? Ora daremo alcuni consigli per curare il coronavirus a casa senza farsi prendere dal panico.

Si ricorda che i sintomi più frequenti del Covid 19 sono febbre, tosse, dolori articolari, muscolari e perdita di olfatto o gusto.

Le autorità raccomandano di non recarsi in ospedale nel caso di sintomi lievi, meglio sarebbe consultare i medico di famiglia quale primo presidio di aiuto.

Premettendo che questa malattia può rivelarsi subdola per la rapidità con cui si sviluppano e si modificano i sintomi ecco alcuni consigli per curare il coronavirus a casa senza farsi prendere dal panico.

Misurare la temperatura

Importante, per prima cosa, è misurarsi spesso la temperatura.

Facendo questo un paio di volte al giorno è possibile valutare la presenza di febbre o di significative variazioni.

Bisogna sempre tenere ricordarsi che la febbre potrebbe risultare inferiore la mattina mentre è nomale e fisiologico un rialzo pomeridiano e serale.

Controllare la saturazione

In questi mesi abbiamo imparato a prendere confidenza con uno strumento da sempre utilizzato negli ospedali: il saturimetro.

Munendosi di saturimetro è possibile tenere sotto controllo il livello di ossigenazione del sangue.

Si tratta di un oggetto molto semplice da usare autonomamente, utile per controllare che la saturazione rimanga in un range percentuale tra il 97% e il 99%.

Si ricorda che i risultati potrebbero essere alterati dalla presenza di smalto sulle unghie o dalla temperatura molto fredda delle dita.

Ovviamente, in caso di abbassamento improvviso dell’ossigenazione è importante consultare il medico.

Tachipirina

Il paracetamolo può venirci in soccorso nel caso in cui si manifesti un po’ di febbre.

Assumere una tachipirina potrebbe aiutare a stare meglio, abbassare la temperatura ed eliminare dolori articolari e ossei tipici della malattia.

In ogni caso la raccomandazione più importante che si può fare è quella di non farsi prendere dal panico.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Consigliati per te