A cosa serve la vitamina A, dove la si trova e le dosi raccomandate

Oramai è risaputo quanto la corretta alimentazione sia molto importante per la nostra salute. Questo perché grazie al bilanciamento di tutti i nutrienti si hanno degli ottimi risultati. Questi ultimi potranno essere inerenti ad una forma fisica, ma non solo. Spesso l’assunzione di alcuni alimenti va a migliorare o ridurre l’insorgenza di alcune malattie. Basti pensare all’olio d’oliva, per il quale sono numerose le ricerche che attesterebbero i benefici che avrebbe sul cervello. Tutto questo è garantito dalla presenza di determinati valori nutrizionali che hanno diverse funzioni benefiche. Un esempio possono essere i minerali, ma anche le vitamine. Tra queste c’è la vitamina A.

Cos’è

La vitamina A è liposolubile, dunque si va a diluire nei grassi. Ha un ruolo molto importante per la salute delle ossa e dei denti. Tra l’altro è tra le vitamine più indicate per rafforzare il sistema immunitario. In vista dell’inverno è molto indicata per ridurre il rischio dei primi raffreddamenti. Protegge la pelle dai raggi ultravioletti e ha un forte potere antiossidante. Questo è molto importante perché va a combattere i radicali liberi. Avrebbe anche un ruolo protettivo per il tumore alla prostata.

Betacarotene

Il precursore della vitamina A è il betacarotene. Questa è la sostanza che noi troviamo all’interno degli alimenti. Una volta ingerita poi il nostro organismo la trasforma in vitamina A. È contenuta in diversi alimenti, proprio per questo si può facilmente introdurre con l’alimentazione. Ma quali sono i cibi che la contengono? Vediamoli nel dettaglio.

A cosa serve la vitamina A, dove la si trova e le dosi raccomandate

Le principali fonti di questa vitamina sono:

  • fegato;
  • formaggi;
  • burro;
  • tuorlo dell’uovo.

Ne contengono tanta anche la verdura a foglia verde e la frutta che presenta un colore arancione. Infatti melone e pesche sono fonte di betacarotene e quindi di vitamina A. Una fonte eccezionale di questa vitamina è l’olio di fegato di merluzzo. Un bel po’ di anni fa ne veniva dato un cucchiaio ai bambini il mattino prima della colazione. Questo perché andava a rafforzare le ossa e i denti. Ecco a cosa serve la vitamina A e in quali alimenti è possibile trovarla in quantità più alte.

Quanta assumerne

Il fabbisogno giornaliero è di circa 2 o 4 mg per una persona adulta. Questi sono valori che ovviamente cambiano e variano da persona a persona. Un soggetto che è in deficit di vitamina A potrà integrarla grazie agli integratori alimentari, qualora l’alimentazione non basti. Durante una gravidanza le dosi potrebbero cambiare. È sconsigliato assumere troppa vitamina A in attesa, in quanto potrebbe portare a malformazioni del bambino.

Lettura consigliata

Ecco i benefici e le proprietà dei pistacchi e quante calorie contengono
(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te