5 verdure con più carboidrati da non mangiare col pane per evitare picchi glicemici

Chi deve scendere di peso solitamente porta a tavola porzioni abbondanti di verdura per raggiungere il senso di sazietà senza fare il pieno di calorie. Magari presta anche particolare attenzione al tipo di cottura e privilegia quella al vapore o al forno per limitare l’uso di condimenti. Anche chi tende ad avere i valori della glicemia oltre la norma o soffre di malattia diabetica si trova a pranzo e a cena a dover far la conta delle calorie. E deve monitorare con scrupolo la quantità di zuccheri e carboidrati che ogni singolo pasto comporta proprio per non scatenare un terremoto glicemico.

Infatti “Ecco quanto deve essere la glicemia a digiuno e i valori normali 2 ore dopo pranzo per evitare i sintomi più pericolosi del diabete”. Per tenere a bada i livelli di glucosio nel sangue sarebbe opportuno rivolgersi ad un nutrizionista che saprà indicare una linea alimentare da seguire.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Del resto non è semplice riuscire a bilanciare correttamente il giusto apporto di carboidrati, proteine e grassi nei due pasti principali. E a volte si segue un regime alimentare che attinge informazioni sbagliate da credenze ormai radicate e dalle opinioni più diffuse. Il che equivale a dire che persino chi ritiene di far bene consumando 4/5 porzioni di frutta e verdura potrebbe commettere errori non di poco conto.

Ad esempio fra le tante vi sono 5 verdure con più carboidrati da non mangiare col pane per evitare picchi glicemici. Ed anche per quel che riguarda il pane ne esistono alcune varietà che utilizzano farine non raffinate e grani antichi che hanno un impatto glicemico inferiore. “Ecco i 3 tipi di pane con meno calorie e carboidrati e il più basso indice glicemico per chi soffre di colesterolo cattivo e diabete”.

5 verdure con più carboidrati da non mangiare col pane per evitare picchi glicemici

Per sentirsi sazi molto spesso è sufficiente far precedere il primo o il secondo piatto da una porzione di verdura condita con olio extravergine di oliva. Esistono tuttavia alcune verdure che contengono più carboidrati di altre e che quindi se associate al consumo di pane potrebbero provocare l’innalzamento della glicemia. Il cavolfiore ad esempio contiene per ogni 100 grammi di prodotto ben 100 gr di carboidrati. Lo segue a ruota il cavolo verde con 80 gr di carboidrati e i cavoletti di Bruxelles con 75 gr.

La quantità di carboidrati risulta invece inferiore in asparagi e broccoletti che rispettivamente ne contengono 55 gr e 50 gr. Con ciò non si intende affatto scoraggiare dal consumo di queste 5 verdure quanto piuttosto raccomandare di non associarle alla pasta o al pane. E tali raccomandazioni valgono particolarmente per chi mira a perdere peso o per chi deve abbassare la concentrazione di glucosio nel sangue.

Approfondimento

I 5 formaggi più magri che possono mangiare i diabetici, gli intolleranti al lattosio e chi ha il colesterolo alto

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te