5 trucchi semplici e naturali per evitare che il gatto faccia i bisogni su piante e vasi di casa

Sono uno spettacolo della natura. Sempre attenti, vigili e coccoloni, i gatti sono molto amati dall’uomo e chi ha la fortuna di conviverci ha la possibilità di scoprire, giorno dopo giorno, tutte le caratteristiche di questo felino addomesticato. E se da un lato le innumerevoli belle sensazioni che suscita l’amico peloso rendono più felice la quotidianità, dall’altro è necessario fare i conti con quale piccola abitudine errata. Da non sottovalutare, infatti, quelle piccole “marachelle”, apparentemente innocue ma che potrebbero creare un vero e proprio problema in famiglia. Quando il gatto decide di fare i bisogni fuori dalla lettiera, ad esempio, si dovrebbe correre immediatamente ai ripari. Prima che diventi un’abitudine per il gatto, il quale deciderà di farla altrove. Generalmente, angoli nascosti e in prossimità di piante e vasi sono le zone prescelte.

5 trucchi semplici e naturali per evitare che il gatto faccia i bisogni su piante e vasi di casa

Per evitare che il gatto decida di cambiare location per i suoi bisogni e per salvare le piante, il giardino e gli ambienti di casa dagli escrementi e dai cattivi odori, esistono diverse tecniche. In questo articolo la Redazione vuole mostrare ai suoi Lettori 5 trucchi naturali da usare come repellente, senza additivi, per gli amici felini.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Oli essenziali

Una delle tecniche più gettonate è quella che riguarda batuffoli di ovatta imbevuti di oli essenziali da posizionare nei pressi di piante, fiori e giardino. Gli oli più efficaci sono quelli a base di citronella, rosmarino e lavanda. Il gatto percepirà tali profumi come repellenti e di conseguenza si allontanerà dalla zona.

Aceto bianco

Dopo aver lavato i pavimenti con i prodotti in commercio è buona norma lucidare con una soluzione di acqua e aceto bianco. Questo procedimento neutralizzerà gli odori dei detersivi che vengono percepiti dal gatto come sostanze acide da coprire con l’urina. L’aceto ha il compito di eliminare gli altri odori e quindi il gatto non dovrebbe più avere l’esigenza di coprire con il suo odore.

Bottiglie di plastica

Uno dei rimedi della nonna prevede il posizionamento di bottiglie di plastica piene d’acqua nei pressi di piante e giardini. Si pensa che i riflessi dell’acqua generati dal sole possano infastidire gli amici a quattro zampe che non vorrà più espletare i suoi bisogni in quell’ambiente.

Attenzione ai sottovasi pieni d’acqua

Da non sottovalutare i sottovasi in cui l’acqua ristagna. Il gatto verrà attirato dall’odore dell’acqua sporca e dopo pochi giorni vorrà coprirlo con le sue tracce.

Soluzione di acqua ed erbe aromatiche

Spruzzare le foglie delle piante con una soluzione fatta di acqua ed erbe aromatiche, come il pepe, il rosmarino, la citronella e l’erba cipollina, costituirà un repellente del tutto naturale per i gatti che, anche in questo caso, non vorranno più usare le piante come toilette.

Infine, è importante anche soffermarsi sulle ragioni per le quali il gatto non voglia scegliere la lettiera. Potrebbe avere la necessità di averla sempre pulita o di sentirla maggiormente come un luogo sicuro.

Se “5 trucchi semplici e naturali per evitare che il gatto faccia i bisogni su piante e vasi di casa” è stato utile ai Lettori, si consiglia anche “Tutti i gatti “fanno la pasta” ma ecco quando bisogna preoccuparsi secondo gli esperti“.

Consigliati per te