Un pieno di vitamina C e potassio con questo frutto invernale che potrebbe aiutare contro i calcoli renali

L’inverno porta sulle nostre tavole dei deliziosi esemplari di frutta e verdura che risultano particolarmente benefici per la nostra salute. Ad esempio ecco i frutti di stagione antiossidanti amici dell’intestino che potrebbero scongiurare i problemi al cuore. Ci stiamo però dimenticando di un grande classico che fa parte della categoria degli agrumi. Infatti è possibile fare un pieno di vitamina C e potassio con questo frutto invernale che potrebbe aiutare contro i calcoli renali. Vediamo insieme di quale si tratta e chi perché potrebbe essere prezioso per i nostri regimi alimentari.

Un pieno di vitamina C e potassio con questo frutto invernale che potrebbe aiutare contro i calcoli renali

Stiamo parlando del limone, generalmente utilizzato come condimento. Questo, infatti, è un frutto ricchissimo di vitamina C. Questo elemento, infatti, è essenziale per il nostro organismo, soprattutto in questa stagione. È infatti noto per ridurre la durata degli episodi influenzali. Però essendo un nutriente molto importante è necessario confrontarsi con un medico prima di assumere degli integratori. Bisogna stare attenti anche a una possibile situazione di penuria. Infatti apatia, indebolimento e dolori muscolari potrebbero essere dovuti alla carenza di questa preziosa vitamina.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Poi il limone è anche particolarmente ricco di potassio. Questo sale minerale aiuterebbe a mantenere la pressione nella norma e contribuisce alla contrazione dei muscoli. Nella medicina popolare il succo viene utilizzato per il suo potere astringente e per aiutare la digestione. Viene poi anche utilizzato per la cura della pelle come acne e micosi. Infine, se si soffre di nefrolitiasi calcica ipocitraturica, dosi opportune di succo di limone potrebbero aiutare a diminuire il doloroso fenomeno dei calcoli ai reni.

Le possibili controindicazioni

Molti pensano che la sua acidità non sia però indicata per i soggetti che soffrono di reflusso esofageo. Infatti credono che possa peggiorare questo fenomeno, anche se gli studi non hanno portato delle evidenze in merito. Invece un consumo sregolato può danneggiare lo smalto dei denti, corrodendoli e alterando potenzialmente il loro naturale colore. Sono presenti delle allergie ai prodotti a base di limone in chi ha anche dei problemi con gli allergeni delle arachidi. Si hanno poi delle controindicazioni con l’assunzione della clorochina, farmaco utilizzato principalmente per la prevenzione o il trattamento contro la malaria. In ogni caso prima di abusare di un qualsiasi alimento è meglio confrontarsi con il medico di base per vedere se questo è in linea con le nostre esigenze.

Approfondimento

Stanchezza, ritenzione idrica, insonnia e spasmi muscolari potrebbero indicare la carenza di una preziosa vitamina

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te