Tutti la consumano a tavola ma in pochi conoscono queste straordinarie ragioni per cui coltivarla come pianta ornamentale

Esistono piante in grado di crescere anche su terreni argillosi e in climi non troppo caldi. Questo vale anche per una speciale tipologia di arbusto poco conosciuto come pianta da coltivare. Si tratta della senape, i cui semi sono spesso protagonisti di una delle salse più buone con cui condire i piatti. Infatti tutti la consumano a tavola ma in pochi conoscono queste straordinarie ragioni per cui coltivarla come pianta ornamentale. La senape bianca è un arbusto capace di crescere persino in terreni argillosi e calcarei.

Le caratteristiche della pianta

Non si tratta di una pianta che raggiunge grandi altezze. È possibile anche coltivarla in vaso e non richiede chissà quali attenzioni. La senape bianca predilige climi miti e in questi riesce a crescere anche senza particolari attenzioni. Nelle stagioni più fredde la pianta non richiede annaffiature costanti e sarà sufficiente la sola acqua piovana.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

In primavera o estate bisognerà solo mantenere il terreno sufficientemente umido e mai troppo secco o eccessivamente pieno d’acqua. Ma le poche cure necessarie non sono l’unico fantastico motivo per cui possedere questa pianta in giardino.

Perché coltivare la senape bianca

Certamente tutti la consumano a tavola ma in pochi conoscono queste straordinarie ragioni per cui coltivarla come pianta ornamentale. Bisogna innanzitutto dire che è possibile piantare la senape bianca in primavera oppure procedere alla semina. In quest’ultimo caso bisognerà interrare proprio i semi di senape, piccoli chicchi che è possibile trovare all’interno dei fiori.

Ma non molti sanno che anche le foglie della senape sono commestibili e davvero deliziose in insalata. Poiché esistono davvero tante varietà di senape consigliamo comunque di richiedere quante più informazioni possibili al riguardo direttamente al rivenditore. Le foglie più tenere diventano commestibili già dopo 20 giorni dalla crescita dei primi germogli.

Come agire in caso di attacco di afidi e parassiti

Ma un ulteriore vantaggio nella sua coltivazione è che questa pianta non è soggetta all’attacco di particolari afidi o parassiti. Essa è molto resistente e per eventuali sporadici attacchi di afidi provenienti da piante vicine basta un semplice trattamento a base di sapone di Marsiglia. Prepararlo è semplicissimo e la Redazione spiega come fare in questa guida all’utilizzo del Sapone di Marsiglia.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te